Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 12 novembre 2014

LARVA: UN’ENTITA' PROVENIENTE DAI PIANI SOTTILI




E’ un parassita  energo-informazionale che vive nei corpi sottili umani e si nutre dell'energia psichica. Spesso è la causa delle dipendenze e delle cattive abitudini.

I sintomi (ci devono essere almeno alcuni, tra quelli elencati):
-       L’esistenza delle dipendenze, specialmente se non potete farne a meno, anche se non vi procura più piacere
-       Problemi di carattere psico-emozionale (depressione, fobie,  irascibilità..)
-       Incubi notturni
-       Vi alzate già stanchi e dovete ricorrere a qualche “doping” per poter fare qualcosa  (anche solo caffè)
-       Avete periodicamente i dolori nella nuca e nella schiena
-       Avete il freddo nelle dita delle mani e dei piedi
-       La vista si offusca
-       Una sensazione di “succhiamento” nella zona dello stomaco
-       Una sensazione  del freddo o della pesantezza nei reni.

E’ anche possibile localizzare una larva con aiuto del biosensore o di qualche altro strumento radiestesico.



Come liberarsene? 









Esiste una PSICOTECNICA, altrettanto sicura e innocua come il lavaggio delle mani sporche.

Si  può eseguirla per se stessi e per gli altri. Ma una condizione necessaria c’è: la persona deve chiedervelo. Senza  richiesta potete aiutare solo i stretti famigliari (marito, moglie, genitori, ecc; NB: non i fidanzati, i boyfriend ecc )))
-       Sedetevi comodi, rilassatevi  e immaginate di essere coperti da un grosso pezzo di stoffa che si stende attorno a voi sul pavimento (se lavorate per un’altra persona immaginatela così).
-       Sentite  la stoffa sia impegnata di alcol o di  benzina. Sentitela impegnata, umida, e l’odore caratteristico.
-       Date fuoco alla stoffa, comincia a bruciare di fiamma blu ma dall’esterno, senza procurarvi alcun fastidio.
-       I lembi della stoffa si alzano lentamente, e alla fine è  raccolta attorno alla vs. testa.
-       Continuate ad alzare  i lembi, uniteli, così avrete un contenitore che brucia all’interno
-       Restringetelo fino alle dimensioni di una noce, alzando la luminosità e la temperatura
-       Immaginate un buco che si apre nel pavimento e porta al centro della Terra, dove c’è una colossale pressione e  un’altissima temperatura. Mandate lì “la noce” e chiudete il buco.



I sintomi della liberazione dal larva:

-       Un’ondata di calore o di freddo sul corpo
-       Il calore nella schiena o nella nuca
-       Le dita dei piedi si scaldano
-       Il calore nella zone del plesso solare
-       La vista si annebbia
-       La sensazione di essersi tolto un peso dalla schiena
-       Il mal di testa cesserà
-       La liberazione dai problemi psico-emozionali
-       La fine degli incubi notturni.

LE PRATICHE SPIRITUALI E LE TRAPPOLE





Un saggio di  A.Trofimov

Malgrado l’abbondanza dell’informazione, anche in rete, sulle pratiche spirituali e sulla loro necessità, e su come farle, la maggioranza delle persone cade sempre nelle stesse trappole.

Trappola n.1: UNA TEORIA VI ILLUMINERA’

Non esiste. L’egregora  (dei buddhisti, degli yoghi, degli antichi slavi, dei vedici, delle scuole psicologiche, ecc.) in cui si entra prima vi dà le forze e poi inizia a prelevarle per mantenersi. E’ un’entità energetico-informazionale indipendente dall’uomo che, ad un certo punto, inizia a “mangiarsi” l’adepto. Perché? Perché il cammino di ogni persone è unico, mentre l’egregora per esistere ha bisogno di avere  degli aderenti tutti uguali.
Anche se dovessero dirvi che si tratta delle vostre radici, della religione degli avi, o del vostro fondo genetico, ricordate che  la genetica e le radici riguardano i corpi fisico ed eterico, mentre voi siete prima di tutto Spirito e l’Anima che devono utilizzare l’esperienza di questa  incarnazione per risolvere i propri obiettivi, sempre unici.
Qui ci sta anche in vegeterianesimo, ormai trasformatosi da un sistema di risanamento in una religione.
Senza un adeguato Maestro, senza una persona vera e realizzata, non potrete andare avanti, a meno che non siate voi un Maestro.  Serve assolutamente il portatore di un sistema integrale di conoscenze!



Trappola n.2: UNA TECNICA, UNA PRATICA, UNA MEDITAZIONE VI ILLUMINERA

Tutte le pratiche sono molto individuali e richiedono la consapevolezza. Esistono decine di migliaia di tecniche, ed è inutile collezionarle, perché il principio è sempre lo stesso: se non c’è una fonte di energia, non funzionerà.  Per far funzionare una tecnica, servono:
1.   L’energia (la persona deve stare bene e avere tutti i chakra funzionanti).
2.   Serve la motivazione  e la comprensione del perché si fanno le delle pratiche spirituali.
3.   Serve un sincero desiderio di crescere.
4.   Serve una persona amica già realizzata che possa aiutare.

La maggioranza delle tecniche descritte come universali valide per tutti, possono risultare inutili o addirittura dannose.


Trappola n.3: UN’ALTRA PERSONE VI ILLUMINERA’

Un vero Maestro potrà accompagnarvi nel piano mentale (“chiudendo” i desideri dei tre corpi inferiori: fisico, eterico, astrale), ma poi dipenderà da voi. Incontrare un vero Maestro è una rara fortuna; ma va anche detto che alcuni, non conoscendo i principi  dello sviluppo, e  del tutto egoisticamente, non vogliono proprio cercare un Maestro, non lo chiedono all’Universo.
Come risultato, questa persona rimane a girare nel proprio astrale. Qualche volta qualcuno è capace di  andare da solo  nel piano mentale, ma oggigiorno questa è una rarità.
Un’altra persona, anche non essendo un Maestro, potrebbe illuminarvi  ad una sola condizione: i suoi chakra sono totalmente compatibili con i vostri; in questo caso comunicando con lei,  andrete avanti molto più velocemente.




Trappola n.4: NESSUNO MI PUO’ ILLUMINARE, DEVO ARRIVARCI DA SOLO


L’Illuminazione è un dono che arriva dalla Totalità, da Tutt’Uno, e non è ottenibile con uno sforzo di volontà. Non possiamo da soli andare al di là  dell’esperienza che abbiamo, non ce lo permetterebbe il nostro software.
Esiste una formula del cammino spirituale, unica per tutte le scuole:

Maestro + Sistema + Meditazione + Una vita Attenta = Cammino Spirituale.

Che cos’è una vota attenta:  è la vita individuale di noi tutti che comprende la costruzione delle sfere: sociale, finanziaria, creativa, famigliare ed altro...occorre  portarle  al massimo. E’ il termine “impeccabilità” applicato alla vita quotidiana.



domenica 2 novembre 2014

ODE ALL'AUTOGUARIGIONE






Non è la prima volta che torno a parlare del metodo Puchkò e i metodi successivi, in particolare di quello di Pavel (“Le Energie della Guarigione”). Sono due metodi radionici fatti  non per “operatori olistici” (naturopati, pranoterapeuti, radioestesisti diplomati ecc.)  ma per una persona “normale”, non medico,  operatore di nessuna disciplina olistica... tutto ciò che serve è la buona volontà e la voglia di finire, una volta per sempre, con  i propri problemi di salute, almeno con quelli più fastidiosi. 
Certo che tra tutti coloro che hanno preso un mano  i libri della Puchkò, con tutte le spiegazioni, con tutti i protocolli e i grafici che servono, anche in Russia, sono andati avanti solo coloro che  hanno avuto la costanza e il coraggio di continuare.
Perché per  guarire serve anche il coraggio, serve uscire dagli schemi che ci offre continuamente la “”coscienza di massa”.

Qualche anno fa  avevo letto, in uno dei primissimi protocolli di Raymon Grace tradotto in italiano, le parole che non si può non condividere: “Le persone  hanno delegato le loro anime ai preti, la salute ai medici, i soldi ai banchieri e i figli alla scuola, e così hanno smesso di controllare la propria vita. 
Il fatto che è difficile assumere il controllo della propria vita lo vedo tutti i giorni... tante volte non lo vogliamo nemmeno, per evitare delle responsabilità. meglio delegarle agli altri: é il medico che mi ha dato una cura non efficace. E' il guaritore che non ha lavorato abbastanza...

Oggi apro il Forum russo dove partecipa anche Pavel, e vedo il suo post scritto in risposta alle numerose richieste giunte recentemente sul forum dove alcuni, come me, hanno raggiunto una certa padronanza di questi metodi: “... mi serve subito un operatore, sto male, ho dei grossi problemi”.
E badate, scrivono delle persone che sono A CONOSCENZA delle tecniche Puchkò, sanno tenere tra le dita un pendolo, ma non vogliono provare,  e soprattutto, non hanno voglia di arrivare da soli fino in fondo. 
Delegano agli altri. 

A questo punto non posso non tradurre un brano dal post di risposta di Pavel rivolgendosi ad una persona che ha tempestato il forum di richieste:

“... Conosco bene la situazione di cui sta parlando.  Anch’io andai dai molti medici, feci un sacco di esami, ma stavo sempre peggio.  Mi feci curare per circa 5 anni dai più diversi specialisti, poi dagli elettro-agopuntori (il metodo di Woll), e poi dai guaritori. Accumulai una quantità di analisi e di diagnosi, ma il mio stato fisico peggiorava, e lo stato psicologico pure.  Piano piano cominciai   a capire che per uscire dal tunnel  mi serviva una soluzione diversa. Che cosa? Come? Dove?...
... Avevo capito di dover aspettare un miracolo - uno, agire da solo  - due (“aiutati che Dio ti aiuta”).  A me stava la scelta.
Cominciai una ricerca che mi portò al libro della Puchkò “La biolocazione per tutti”; questo libro mi aprì gli occhi, fece cambiare la direzione dei miei pensieri. Dovevo lavorare molto, combinando il lavoro, la casa e il lavoro radiestesico; più di una volta le malattie ebbero la meglio, ma la FEDE  nella Mente Suprema e la comprensione di non avere altra scelta,  se non un’attiva comunicazione con il mio Sé Superiore”, mi permettevano sempre di continuare a lavorare, anche con le tecniche mie, non ortodosse “alla Puchkò”. E come risultato: gradualmente, con gli anni, dimenticai i nomi e i cognomi dei miei medici... 
Sembra che lei vorrebbe risolvere i suoi problemi   tramite altre persone e presto. Questa è un’illusione; velocemente si può risolvere solo alcuni problemi, mentre  molti di loro scesi al livello fisico, hanno bisogno di anni, a volte anche di tutta la vita che resta.  Dove pensa di trovare un operatore (guaritore) che  per anni vorrà correggere  lo stato corrente del suo organismo? Vale la pena di tirare su le maniche  e di cominciare a lavorare. 
Per iniziare, lavori con la lista delle emozioni negative,  deve estirpare certe piante infestanti dall’orto della sua anima... A coloro che  vogliono crescere spiritualmente,  attivamente, la Mente Suprema CONCEDE TEMPO. “

E devo aggiungere che Pavel non solo ha vinto le sue malattie ma  ha portato avanti, su un livello ancora più avanzato, gli studi della Puchkò, ha semplificato ed armonizzato le tecniche, e oggi lavora in una maniera molto creativa e insolita, che gli permette di accedere agli archivi akashici   secondo la sua volontà, di cercarvi tutte le informazioni che vuole, di  avere degli aiuti dei maestri di altre dimensioni – il tutto lo fa in silenzio, senza alcun scopo commerciale, persino nell’anonimato. Pavel insegna che  per raggiungere uno scopo, per guarire, si deve lavorare, e non aspettare un miracolo o un  medico/guaritore/sciamano che verrà e con una bacchetta magica  farà cadere montagne di problemi che noi  facciamo crescere, a volte, nel corso di molte vite.

E voglio dire, questo è  il motto della radionica russa – so che non sarà molto popolare -   Vuoi guarire? Devi farlo da solo. Chi se non il nostro subconscio conosce TUTTA la nostra storia, avendo registrato tutto ciò che ci è accaduto  dal momento del concepimento? Chi altro può avere accesso alle informazioni della nostra Anima? Dello Spirito?  Questo motto è diventato mio circa sette anni fa, e ormai non cambio strada, non cerco tecniche facili e miracolose.  Cominciamo a cambiare il nostro mondo. In sordina, da soli.