Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 18 settembre 2014

VAMPIRISMO E I CORDONI PSCICHICI






I russi sono molto attivi nel capire e definire i vari tipi di programmi negativi che ci trasmettiamo comunicando tra di noi.
Cercherò di descrivere un po’ con parole mie un lungo articolo sull’argomento “vampiri” energetici.

Durante la comunicazione tra due persone si formano dei cordoni energetici (una sorta di corda fatta di materia sottile che trasmette l’energia e l’informazione), di solito tra i chakra. Il loro tipo dipende da come voi vedete  il vs. interlocutore.
Lo amate: i due cordoni collegano il secondo e il quarto chakra.
E’ un vostro collega e comunicate esclusivamente per  necessità di lavoro: i cordoni solo al livello del sesto, quinto e terzo chakra. 
Più   siete coinvolte, più attenzione dedicate, più sono forti i cordoni invisibili; se non ci prestate molta attenzione: si tratta di pochi fili deboli. 

I cordoni psichici che si formano comunicando  con un vampiro energetico sono diversi, sono molto più forti. 
Questa struttura si forma a causa del desiderio di avere una  vostra risposta (per es., nel casi di un amore non corrisposto). Se tale amore  è soltanto fisico, il cordone si forma all’altezza del Svadhistana (organi sessulai) e Muladhara. Oppure prendiamo una persona che  è invidiosa di un’altra persona, anche senza augurarle del male ("come mai lui sa tante cose e sa fare tante cose, mentre io no"): il cordone si forma  sull’Ajna e Vishuddha. 
Un amore  infelice che genera una tristezza: il cordone è sull’Anahata.

Autovampirismo:  se non siete contenti di voi, non vi amate. Questo sentimento di “non amare” se stessi è capace di fare un buco nell’aura  attraverso il quale la vostra energia  comincerà a disperdersi.

Come vi sentite  se siete vittima di un vampiro energetico:  
- pressione o prurito nell’area del plesso solare;
- mal di testa, pesantezza  nell’area del terzo occhio;
- attacchi di rabbia verso una persona, la persona potrebbe farvi schifo;
- se  siete un filantropo, proverete una compassione verso il vampiro.
(sarebbe la reazione più giusta). 
In ogni caso, si sente spesso una tristezza, si perda la gioia di vivere, in famiglia  si creano delle situazioni conflittuali. 



Come proteggersi:
1. Consigliano di andare in chiesa e accendere una candela (la chiesa rappresenta una struttura energetica capace di ripulire i livelli sottili e di conseguenza, anche quelli fisici).
2. Keep Calm! Mantenete la calma dicendo a voi stessi: “Sono  tranquillo, questa persona è isolata da me”. Mandate alla persona i pensieri d’amore.
3. Ci sono i metodi più bruschi: visualizzare le forbici che tagliano il cordone. Immaginate due cordoni: uno va e l’altro viene.  Gettate verso il vampiro le estremità che rimangono tagliate.   
4. Accedete una candela, e ponetela all’altezza dei propri genitali. Iniziando dal basso (Muladhara) andate in su, lentamente. Dove vi sembra di avvertiore un ostacolo, ci saranno i cordoni. Così tratterete tutti i chakra principali. La procedura finisce  con la candela sopra la testa.
5.      Se state male, fate una doccia di contrasto. Prima l’acqua molto calda, poi molto fredda – e così per 5 volte. 


mercoledì 17 settembre 2014

SEI MORTO TORNANDO A CASA...


Ho trovato e questo bel racconto su Fb russo, e l'ho tradotto.

.............................................................................................


Hai avuto un incidente d'auto. Nulla di particolare, ma mortale. Hai lasciato la moglie e due figli. I medici hanno cercato di salvarti, ma fu inutile.

E allora hai incontrato Me.
- Che cosa è successo, - hai chiesto tu.-  Dove sono? 
- Sei morto.
- C'era un camion...andava come pazzo.
- Si, -  ho detto io. - Non ti preoccupare. Muoiono tutti.

Ti sei guardato attorno. C'era un vuoto. C'eravamo solo io e te.
- Che posto è? - hai chiesto tu. - E' la vita dopo la morte?
- Più o meno, - ho risposto.
- E tu sei Dio?
- Si. Sono Dio.
- E mia moglie,  miei figli... hai borbottato.
- Prego?
- Che ne sarà di loro?
- Tu mi piaci,  - ho detto io. - Sei appena morto e pensi prima di loro. Molto bene.

Mi hai guardato estasiato. Io ti sembravo un uomo comune,  forse una specie di persona importante, con un volto un pò sfocato. 

- Non ti preoccupare,- ho detto. -  I tuoi figli ricorderanno  solo il meglio di te.  Tua moglie piangerà ma in fondo tirerà un sospiro di sollievo, perché il matrimonio non andava bene.  Ma lei si sentirà colpevole per aver sentito il sollievo. 

- Ooooohhh, - hai detto tu. - E adesso? Mi manderai all'inferno? in paradiso?
- Nient'affatto, - ho detto io. - La tua anima si trasferirà in un altro corpo.
- Allora, gli induisti avevano ragione....
- Tutte le fedi hanno ragione, -  ho detto io. - Vieni con me.

 E hai cominciato a camminare accanto a me attraverso il vuoto.
- Dove stiamo andando? 
- Da nessuna parte. Ma fa piacere passeggiare  mentre parliamo.

- Allora,  cosa significa? - hai chiesto tu. - Quando rinascerò sarò  solo un bambino e la mia esperienza, quella che ho accumulato in questa vita, si perderà.
- Assolutamente no, - ti ho assicurato io.- Hai già dentro di te la saggezza e l'esperienza delle tue vite. Ma non te le ricordi.

Mi sono fermato e ti ho abbracciato.
- La tua anima è immensamente più bella, meravigliosa e grande di quanto te la immagini. La coscienza umana è in grado di percepire solo un briciolo di ciò che è. ... Tu sei stato dentro un uomo per 48 anni, perciò non senti  la parte dormiente della tua coscienza. Ma se  camminassimo ancora per un pò,  cominceresti a ricordare. Non ha senso, però, di farlo nell'intervallo tra le vite.

- Quante volte mi  ero reincarnato?
- O, tante.  Tante, tante volte.  Ma questa volta sarai una contadina in Cina, nell'anno 540 a.C.
- Aspetta, aspetta,- hai detto tu stupito. - Mi stai mandando indietro nel tempo?
- Si può dire così.  Il tempo lineare esiste solo nel tuo universo.  Di dove sono io, è  diverso.
- Di dove sei??? -  hai chiesto tu.
- Beh, - ho spiegato io, - anch'io vengo da qualche parte. Vengo da un'altra dimensione. Vorrai sapere come si sta dalle mie parti, ma non lo capiresti.
- Aaaaa..,-  hai detto tu deluso. - Ascolta, ma se io mi reincarno nelle persone di epoche diverse, forse un giorno potrò incrociare me stesso?
- Certo. Succede spesso. Ma dato che ogni vita prende coscienza soltanto di se stessa,  non capisci che l'incontro è avvenuto. 
- Allora che senso ha?
- Mi stai chiedendo qual'è il senso della vita? Sembra un cliché. 
- Si, ma posso farti questa domanda? - hai insistito tu.

Ti ho guardato negli occhi.
- Il senso della vita, lo scopo per il quale ho creato questo universo, è il tuo sviluppo.
- Stai  parlando dell'umanità? Vuoi che progredisca?
- No no, sto parlando di te. Ho creato questo universo per te. Con ogni nuova vita stai crescendo, ti stai trasformando in un intelletto universale.
 - Solo io? E gli altri?
- Gli altri non esistono. In questo universo non c'è più nessuno. Solo io e te.

Hai cominciato a fissarmi.
- Ma tutte le persone sulla Terra...
- Sono te.  Sono varie  incarnazioni di te.
- IO ...IO SAREI TUTTO?
- Esatto, - ho detto io soddisfatto e ti ho dato una pacca sulla spalla.
- Io sono ogni persona mai vissuta sulla Terra?
- E ogni persona che vivrà.
- Sono Abramo Lincoln?
- E sei Johm Wilks Boot.
- Sono Hitler?
- E sei milioni delle sue vittime.
- Sono Jesu?
- E sei ognuno dei suoi seguaci.

Sei stato in silenzio.
- Ogni volta facendo del male a qualcuno facevi male a te stesso. Ogni volta che hai facevi del bene, lo facevi a te stesso. Ogni momento bello o brutto sarà provato solo da te. 
- Perché? - mi hai chiesto tu. - A che serve tutto questo?
- Perché un giorno diventerai come me.  Sei una parte di me, sei figlio mio.

- Significa che anche io sono Dio?
- Non ancora. Ora sei solo un germoglio. Stai crescendo. E quando vivrai una vita umana sulla Terra in tutte le epoche, sarai pronto a nascere.
- Allora, l'Universo, - hai detto tu con stupore,- è solo..

- Un Uovo, - ho confermato io. - E ora sei pronto, cammina. E ti ho mandato nella tua nuova vita.



giovedì 4 settembre 2014

10 MALATTIE TRASMISSIBILI SPIRITUALMENTE



....Traduco un interessante post sulla pagina dell'Advanced Mind Institute. Pochi me parlano. Lo dobbiamo sapere tutti.
...................................................................................................
1. FAST FOOD SPIRITUALE
Se la spiritualità si mischia con una cultura della velocità, di multidirezionalità, di una soddisfazione immediata, abbiamo il fast food spirituale. E’ il frutto di una fantasia comprensibile e largamente diffusa, secondo la quale è possibile smettere di soffrire facilmente e in fretta. Ma deve essere chiaro: una trasformazione spirituale non si raggiunge in fretta.
Nota:... a me sembrai che i termini “veloce” e “semplice” s’incontrano molto spesso nei titoli dei libri sull’argomento. Una guarigione rapida, una trasformazione quantica... altrimenti non si vende... il mercato detta le leggi. Lo dirò ancora una volta: le tecniche facili servono, perché permettono di entrare nell'argomento, ma è come spolverare i soprammobili e credere di finire, mentre i muri sono pieni di muffa. Vanno bene per cominciare a guardarsi intorno... nessuno mi può convincere del contrario )))
2. SPIRITUALITA’ FINTA
Quando una persona parla, si veste e agisce come immagina che farebbe una persona spirituale. Più o meno, come la stoffa dal disegno leopardato imita la pelliccia di leopardo vero.
Nota: ne vediamo diverse...
3. MOTIVAZIONE CONFUSA
Anche se la nostra aspirazione a crescere è sempre vera e pulita, spesso è contornata dalle motivazioni più basse, come il desiderio di essere amato, di appartenere, di riempire un vuoto interiore, di eliminare le sofferenze, di essere una persona particolare, unica nel suo genere.
4. IMMEDESIMAZIONE CON LA SPIRITUALITA’
Quando l’Ego si immedesima con l’esperienza spirituale e se ne impossessa. Cominciamo a credere di incarnare la spiritualità. Nelle persone che si credono illuminate o diventano i maestri spirituali, queste malattia si trattiene a lungo.
Nota: chi non ha mai incontrato certi palloni gonfiati, su questa strada...?
5. SPIRITUALIZZAZIONE DELL’EGO
Succede quando la stessa struttura di una personalità egoistica si immedesima nelle idee e concetti spirituali; il risultato è una struttura egoistica “blindata”, invulnerabile e chiusa alla nuova informazione o un feed-back costruttivo. La nostra crescita spirituale si ferma - in nome della spiritualità.
Nota: chi ha fatto molto corsi e ha incontrato certi guru, ne sa qualcosa.
6. PRODUZIONE DI MASSA DEI MAESTRI SPIRITUALI
Esistono alcune molto pubblicizzate tradizioni spirituali che producono continuamente persone che si credono illuminate o maestri, mentre non lo sono per niente; una sorta di catena di montaggio: un po’ di luce, un po’ di intuito, e via! Sei un illuminato e sei pronto a illuminare gli altri. Il problema non è come li insegnano, questi “maestri”, ma il fatto stesso che loro si presentano maestri.
Nota: )))))
7. SUPERBIA SPIRITUALE
Dopo anni di esercizi, una persona raggiunge certi risultati e non fa più nulla, sentendosi superiore: “Sono meglio degli altri, perché ho intrapreso una via spirituale”.
8. COSCIENZA DI MASSA
Ovvero una psicologia del culto, una coscienza di gruppo, una malattia da “ashram”: i partecipanti del gruppo si accordano, inconsciamente, su come parlare, pensare, vestirsi e agire in maniere “corretta”. Chi è infetto di questa malattia, rifiuta coloro che non corrispondono a certe regole non scritte.
9. COMPLESSO DEL PRESCELTO
Si è convinti che il proprio gruppo sia il migliore, il più illuminato, o più semplicemente, è meglio di altri gruppi. Esiste un’importante differenza tra la comprensione di aver trovato una via, un maestro o una comunità e di aver trovato Colui che è Unico.
10. "SONO ARRIVATO" (IL VIRUS MORTALE)
Questa malattia è molto pericolosa, è mortale per la nostra evoluzione spirituale; si è convinti di essere arrivati. Appena questa convinzione si cristallizza nella nostra psiche, la crescita spirituale si ferma.
E’ molto importante capire e riconoscere le malattie dell’ego e le illusioni molto radicate che abbiamo tutti noi. Ci potrà servire il senso dell’umorismo e l’aiuto dei veri amici. Per portare nel mondo i veri cambiamenti, occorre conservare la fede in se stessi e negli altri, e saper superare gli ostacoli.

mercoledì 3 settembre 2014

SUI METODI PUCHKO’ E PAVEL. SUL CORSO DELLA RADIONICA RUSSA. IL MODELLO DEL BIOCOMPUTER UMANO E LE SUE APPLICAZIONI PRATICHE.







In diversi mi avevano chiesto maggiori informazioni sui metodi russi (radonica russa) nei quali mi specializzo. Proverò a spiegarli in maniera chiara e possibilmente semplice. Il nome originale del metodo Puchkò è “Medicina Multidimensionale”, di quello di Pavel è “Le Energie della Guarigione e la Formula dell’Appello”.

1.     QUANDO SONO NATI QUESTI METODI?

Liudmila PUCHKO’  ha cominciato a sviluppare il metodo a partire dal 1996, con i primi seminari a Mosca e successivamente, con la fondazione della sua scuola. Ha scritto 4 libri che sono una guida dettagliata per qualsiasi persona voglia conoscere se stessa e  le cause profonde delle sue malattie. 
E’ deceduta nel 2009, dopo di che la sua opera continua a svilupparsi grazie all’Istituto  guidato da un suo allievo e collaboratore, e soprattutto  grazie ai moltissimi operatori autodidatti (bisogna dire che quelli sono una principale fonte delle innovazioni e ricerche).
PAVEL  aveva pubblicato le prime parti del suo lavoro nel 2008. Anche lui era partito dalle idee della Puchkò, ma è anche andato molto oltre avendo creato un modello dell’organismo umano un po’ diverso, un prodotto  dei “campi” del Sistema della Mente Suprema.
Per me, se la Puchkò  rappresenta il “liceo”, Pavel è l’”Università”.   Per entrare nell’università bisogna  però prima fare il liceo.

2. LE LORO BASI TEORICHE:  

sono il “paradigma olografico” (l’ipotesi dell’Universo e dell’Uomo olografico) e gli studi russi sui campi torsionali, per entrambi i metodi.

3. COSA SONO QUESTI METODI:  

non sono  tecniche quantistiche basate sulla visualizzazione o su altre tecniche di riequilibrio energetico. Sono metodi intuitivi ma anche molto analitici. Il cardine è il contatto con il proprio Subconscio e il Sé Superiore, dai quali otteniamo tutte le informazioni. Il contatto con il Sé Superiore si stabilisce tramite il pendolo e la convenzione mentale. Le tecniche che adoperano entrambi i metodi  sono basati sull’analisi radiestesica, per cui, occorre almeno sapere tenere in mano il pendolo, per andare avanti e saper curare le proprie malattie.

4. IL CONCETTO DELLE CAUSE PROFONDE DELLE MALATTIE: 

le  malattie che abbiamo non hanno soltanto le cause fisiche note ai medici ma anche le cause profonde, che si trovano ai livelli molto sottili.
Si tratta dell’informazione negativa che distrugge  gli strati sottili  degli organi, le connessioni tra di loro, danneggia i programmi dei biocomputer. E’ possibile elminarle con tecniche mirate e ripristinare i biocomputer che, a loro volta, ci penseranno a rimettere a posto gli organi fisici.


5. CHE COSA  E’ NECESSARIO SAPER FARE PER STUDIARE QUESTI METODI?   

E' necessario conoscere la radiestesia, come  ho già sottolineato. Meglio se una persona la usa già da qualche anno, non importa se è sempre sicura dei propri risultati o no, i russi danno molti consigli su come ottenere i  migliori risultati e fare le verifiche del suo lavoro.
Ho visto persone partire da zero e diventare bravissime entro  pochi mesi. E’ necessario  essere motivati,  e non aspettare un salto quantico, come promettono molte tecniche New Age. E’ necessario essere pazienti e perseveranti. I risultati arriveranno presto, e saranno sorprendenti, se  si riesce a stabilire il VERO contatto con il proprio Sé Superiore.


6. COME SI LAVORA: 

per la Puchkò la tecnica principale è la creazione delle Sequenze Vibrazionali (un grafico-disegno i cui simboli li ricerchiamo noi con il pendolo), destinato a eliminare  le cause profonde in maniera mirata, rappresentando le frequenze inverse rispetto a quelle della patologia.   Non  hanno nulla in comune con le rate numeriche di Grabovoi, sono personalizzate e  sempre uniche.

Pavel  ha semplificato molto le tecniche Puchkò.  Lavora con gli Appelli a Dio (Sistema della Mente Suprema) che eliminano intere liste dei programmi negativi. La Formula dell’Appello  diventa molto semplice per un  operatore esperto.

7. PERCHE’ SI DEVE COMINCUARE DALLA PULIZIA DELLA MATRICE ENERGETICO-INFORMAZIONALE

Dunque, sappiamo che una malattia nasce al livelli sottili e solo dopo si radica nel corpo fisico. Sarà sufficiente curarla  nel fisico? No di certo.
Secondo Pavel ,“è importante non far arrivare una patologia al livello fisico. Una vera profilassi si fa soltanto al livello sottile. Già la profilassi al livello del corpo eterico non sempre funziona, mentre la profilassi del corpo fisico semplicemente non esiste”.
Prima bisogna  fare una ripulita generale, di tutti i corpi  e del Sé Superiore, e mettere una protezione. Come? Un eccellente metodo  per farlo ce lo dà proprio Pavel (ma prima si imparano a fare i primi passi con la Puchkò), che  ha inventato l’analisi radiestesica “torsionale”. Qui collaboriamo direttamente con il Sistema della Mente Suprema e soprattutto con il nostro Angelo Custode. In seguito  sarà il nostro  Sé Superiore  a provvedere a stoppare i programmi negativi lasciando passare solo quelli positivi. Per chi desidera saperne di più,  i particolari sono nei seminari.  La protezione è uno scudo  che ci proteggerà dal sorgere delle future patologie.


8. CHE COSA E’ IL SE’ SUPERIORE (SECONDO   PUCHKO’ E PAVEL)

Pavel scrive: “Lo scopo di “Le Energie della Guarigione...” è quello di fornire l’informazione circa le nuove possibilità dell’ autoguarigione, basate  su un modello della gestione biocomputerizzato più sviluppato  e su un’attiva cooperazione dell’operatore con il proprio Sé Superiore”.

Come è visto il Sé Superiore nella radionica russa?
Come una sintesi tra Spirito, Anima e  Subconscio.
Secondo il pensiero Puchkò, l’uomo multidimensionale, fatto “a immagine”, deve riflettere il principio divino, e questo è riflesso nello spazio del suo Sé Superiore.
.

E’ una sorta di «triangolo» a cui angoli s trovano  lo Spirito, l'Anima e il Subconscio.  Il suncoscio è collegato con un canale con la Coscienza.  Il buon funzionamento di questo canale è essenziale per il lavoro radiestesico.
Il Sé Superiore è collegato tramite vari  canali con altre strutture: la Terra, la Società,  i piani superiori.


9. LE MIE ESPERIENZE.

Avevo cominciato  nel 2007, dalla lettura dei libri della Puchkò. Ero partita con le Sequenze Vibrazionali classiche,  ora lavoro prevalentemente con gli Appelli  a Dio  e una richiesta diretta.  Ho tradotto un ampio riassunto di tutti i quattro libri della Puchkò, e successivamente, ampi capitoli di Pavel (con cui sono in contatto personale), ho sviluppato alcune tecniche mie (la guarigione retro causale, basata sull’interpretazione del concetto del tempo  nell’Universo olografico, l’Eterno presente”). Ho condotto diversi seminari (Genova, Vicenza, Roma, Torino).  Avendo i miei famigliari affetti da gravi malattie degenerative, posso dire con certezza che già la pulizia dei corpi non fisici e l’installazione di una protezione permanente, ha permesso di risolvere molti  gravi problemi. Ho abbastanza esperienza nella cura delle malattie degenerative degli animali (i protocolli della loro cura sono simili a quelli umani).

10. LE TESTIMONIANZE

Ho commesso un errore a non conservare tutto ciò che mi scrivono, ci sono delle testimonianze davvero interessanti. Le persone che hanno già conosciuto questi metodi e lavorano ci sono, posso  rinnovare la mia sincera stima a Laura, Sandra, Beatrice, Silvano, Marco, Silvia..
    Ecco una testimonianza di Sandra:

“Ti confermo che mi sento "protetta"...mi spiego... vengo a contatto con persone "problematiche" sia sul lavoro (colleghi e utenti), sia a casa...mio marito non smette di cercare un appiglio per poter litigare, ma questo "appiglio", ora, non lo trova più. E' come se scivolasse su un vetro.....e dopo poco lascia perdere. Controllo, come tu mi hai detto, le entità e le negatività entrate nella mia aura e il risultato è sempre 0.
... Io mi sento LEGGERA e nel contempo INVIOLABILE. Dormo tanto e faccio sogni vividi, sorrido spesso....vorrei che tutto il mondo stesse bene così. Ho, tanto per fare cosa diversa, discusso con mio marito....e ho fatto un controllo in serata....mi aveva inviato 8 programmi negativi, nessuno entrato nella mia aura. “...venerdì scorso ho iniziato ad avvertire i primi sintomi del raffreddore, male alle spalle, spossatezza...e ho detto: fammi provare.Ho inviato un Appello con ObiettivoPpreciso (un virus)...sto benissimo!!! Nessun naso gocciolante, nè tosse....”

“...Inoltre ribadisco ciò che ho già detto: la pulizia mi ha tolto un velo davanti agli occhi e al cuore: era un pannello che mi impediva di sentire del tutto le "vibrazioni angeliche". Spesso ho chiesto Loro di darmi una prova della Loro esistenza.....eccola!!!!!
Per tutto questo ti sono grata, Olga! E ti abbraccio forte”.


“... più leggo e rileggo il tuo manuale e più lavoro su di me, più sono entusiasta di questo metodo. E' un laser che punta dritto al cuore del problema, ma è allo stesso tempo dolce e avvolgente. E' vero che le Forze Oscure si nutrono dei pensieri e delle emozioni negative (il simile attira il simile) e me ne rendo conto maggiormente ora che sono pulita ed è vero che siamo noi ad attirare le negatività, quindi è vero che dobbiamo diventare "invisibili" per le Forze Oscure. E, ripeto, per me, al di fuori di me, non è cambiato nulla (cioè non ho vinto alla lotteria, non ho incontrato l'amore della mia vita, nessuno mi ha regalato un alloggio), ma che importa? Accadrà! 
Allegria, positività e rendersi conto del grande dono che ci è stato fatto dal Sistema della Mente Suprema: la vita e la consapevolezza. E la possibilità di lavorare per cambiare e migliorare (si sta male con l'immondizia addosso!)”.

11.  LE MIE OSSERVAZIONI PERSONALI. CONSIGLI.

Le persone che sono molto intuitive, medianiche, a cui piace cambiare spesso, inclini alle arti magiche, non risultano molto adatte a questi metodi;  sono attratte dalle  vie di conoscenza diverse. Altrettanto, direi,  non si trovano  coloro che lavorano molto con le macchine, e con gli apparecchi olistici in genere,  coloro che lavorano con il prana, con il contatto diretto con il paziente.  
Ma poi, Oddio,  esistono anche delle eccezioni dalle regole...  

Il messaggio della radionica russa, invece, è questo: la miglior macchina radionica è  il tuo Sé Superiore in quanto parte del SISTEMA DELLA MENTE SUPREMA, collegato alla tua coscienza (mente).

E’ radionica, ma mentale e spirituale. Non  discuto su quale metodo è meglio:  sono  tanti e diversi, e il mondo è bello perché è vario ))).