Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 1 maggio 2014

ENTITA' AURALI E TERRESTRI



Ed ecco una questione interessante di cui altri rami del sapere olistico parlano poco, o in maniera poco chiara – LE ENTITA’. Non neghiamo: esistono, sin dall’antichità, molti metodi della pulizia dell’aura (ovvero i corpi non fisici).
Ma la radionica esoterico-scientifica russa (intendo il metodo Puchkò e i metodi successivi) ci offre una visione piuttosto interessante ed elaborata di questi ospiti sgraditi. E anche i mezzi per combatterli da soli.
A noi viene da immaginare le entità come qualcosa che potrebbe avere una forma umana o animale, ma la Puchkò le definiva così: sono dei soggetti mutidimensionali, appartenenti a un gran numero di dimensioni nello stesso tempo, dimensioni con una geometria diversa.
Matematicamente possono essere descritte come frattali o attrattori: strutture che vengono usate per capire gli effetti della gravità quantistica. Da dove e come arrivano?
Tramite i canali che ci collegano con il Mondo Infernale, con le parti oscure delle egregore, tramite le connessioni con altri esseri viventi, e persino con degli oggetti.
A proposito del Mondo Infernale: al di là delle varie visioni dell'al di là che possiamo avere o adottare, una convenzionale divisione dell'Universo in due poli – il Male e il Bene – puo servire, come credo, per capire e valutare i molteplici aspetti della vita umana che misuriamo, comunque, con questo metro. Che magari, non ci servirà una volta varcata la soglia delle tre dimensioni...
In un organismo vivente che non ha una specifica protezione, gli abitanti del mondo sottile, una volta entrati, possono alterare la psiche causando degli stati border-line, e nei casi estremi portare alla distruzione della personalità.
Ho provato a misurare il numero di entità in alcuni soggetti le cui foto ci mostra spesso la cronaca nera: assassini, squilibrati ecc: tutti hanno come minimo una ventina di entità nell'aura, senza contarne una massiccia presenza nella strutture sottili del sistema nervoso.
… I gradi di connessione con il mondo infernale sono 4:
1° grado - le entità aurali (o possessori) invadono gli strati sottili di certi organi, impedendo lo svolgimento dell'autoregolazione. In pratica, ciò porta all'insorgenza delle malattie croniche, a volte all'invalidità. Sono i casi più numerosi (e si riscontrano continuamente nella pratica dell' analisi del malato).
2° grado - le entità aurali invadono gli strati sottili degli organi sensoriali (occhi, orecchi), provocando delle allucinazioni visive ed uditive; spesso la persona finisce in ospedale psichiatrico perché sente le voce e vede ciò che non esiste.
3° grado – le entità riescono a invadere, per brevi periodi, lo spazio del «Sé Superiore» durante il sonno e ad impossessarsi, sempre brevemente, della coscienza umana in stato di veglia.
4° grado – una possessione completa, da parte delle entità, dell' «Sé Superiore», che provoca la perdita della ragione.
E’ molto interessante la visione delle entità che offre L.G. Puchkò.
Essi si suddividono in tre grandi gruppi: entità aurali, entità terrestri e anime estranee.
Alcuni mi avevano chiesto se è pericoloso tentare di eliminarle da soli, e se non è meglio affidare la loro eliminazione (rimozione) alle guide (Raymon Grace). I protocolli Puchkò non prevedono il coinvolgimento delle guide, ma l’operatore si muove comunque dentro una cornice protetta che offre lo stesso meccanismo della creazione della sequenza vibrazionale, è protetto dalla sequenza stessa, e ha in mano dei parametri precisi per poter inquadrare le entità.
Ma non si rimane per sempre ancorati ai protocolli Puchkò: un operatore esperto ha altri metodi, molto rapidi ed efficace, per ripulire (anche temporaneamente) dei corpi sottili da queste presenze: basta stabilire un solido contatto con il Sistema della Mente Suprema. E tuttavia, ai principianti è consigliato di non chiedere mai: “ho delle entità”?
- Si deve chiedere: “quante entità ci sono nella mia aura?” Per evitare di essere confusi dalle entità stesse, che potrebbero suggerire una risposta negativa dall’inizio.
- Si cerca di individuare il tipo di entità; se il nome non si trova, si può scrivere “non identificata” che è già di per se un nome.
- Le entità aurali vengono eliminate e basta, mentre le entità «UFO», «Lucifero» e quelle Terrestri vengono i «negli spazi predisposti per loro da Dio» (citando le parole della Puchkò).
Alcune caratteristiche delle entità:
“Falso” spesso viene a chi frequenta ambienti di bassi fondi, fa i giochi d’azzardo ecc.
“Lucifero” non è proprio il demonio di cui parla la religione ma è molto simile. E’ difficile da combattere. Sintomi: attacchi d’ira, la voglia di contraddire sempre, pulsioni incontrollate.
Spesso si maschera, assume le sembianze di altre entità, diventa costruito da più entità semplici. Per individuarlo: quante entità “composite” ho nella mia aura? La P. consiglia di ricorrere alle preghiere, di andare anche in chiesa. Se si scopre che lo abbiamo noi, vedere i propri peccati ricorrenti, riflettere e pentirsi, poi fare le SV con le candele accese.
“Acrimonia”: avarizia, voglia di beni materiali.
“UFO”: lo hanno dei “rapiti” dagli alieni. E’ un essere cosciente. Fa parte delle entità “difficili” da combattere. E’ da “esorcizzare”.
“Inerente alla religione”: sono atei ostinati, super-materialisti, anticlericali incalliti, oppure integralisti religiosi di tutti i tipi.
“Sanguisuga” viene da chi ha frequentemente i pensieri poco elevati, una persona poco spirituale.
“Gusci” creano una maschera che fa comportarsi in maniera poco sincera.
“Pigrone”: il significato è chiaro.
“Dolore”: la persona aveva subito una perdita, un lutto.
“Blocco della reazione nervosa”. I sintomi sono: dolori alla schiena, dolori vaganti, mal di testa, rigidità. Viene spesso a chi ha la colonna vertebrale mal messa.
“Autoprogrammata”: in pratica, sono delle forme-pensiero ossessive.
“Inviata dagli altri”: è una forma di fattura, un programma negativo.
“Planetare/lunare”: sono strutture energetiche che vengono in seguito a dei movimenti dei pianeti/stelle, sono legate allo zodiaco, vengono quando l’aura è debole. In pratica, crea una debolezza diffusa.
“Fuoco, rabbia”: viene a chi s’arrabbia spesso, s’ irrita.
“Stregoneria”: proviene dagli stregoni, è una fattura
“Elemento terrestre del cancro”; c’è sempre nell’aura delle persone che stanno per avere o hanno un tumore. E’ legata a dei vizi capitali: gola, lussuria, eccessi, ma anche alla luna piena.
“Rettili”: insonnia, debolezza, depressione, dolori vari, spesso pensieri di suicidio. E’ tra quelle che s’incontrano più spesso.
Entità terrestri sono delle anime, spesso “archetipi dei tipi umani”. Pure tra queste ultime spesso si trova la voce “altre”, vedere sempre la vita del soggetto, le sue abitudini e gli ambienti che frequenta.
Anime estranee entrano in modo particolare quando l’individuo ha subito delle operazioni sotto l’anestesia generale; sono vampiri che s’alimentano della nostra energia. Sono richiamate dai debiti karmici su cui dobbiamo lavorare. Queste ultime non vanno identificate. A volte sono animali.


Molto spesso i «possessori» rappresentano delle strutture energetiche che sostengono dei focolai di germi patogeni. Le entità astrali o mentali, a differenza di quelle aurali (da non confondere!), hanno lo spettro di frequenze molto largo, che va verso l'infinito (specialmente quello delle entità mentali), mentre le aurali si trovano su onde ottiche, le possono a volte vedere coloro che possiedono la vista astrale, i gatti e i cani.
Come gli umani, anche gli animali ne vengono continuamente invasi.
Senza una protezione permanente (che è possibile!) le entità continueranno a bucare la vostra aura ed impossessarsi degli strati sottili degli organi. Vanno e vengono. Molto dipende dal grado della connessione con il Mondo Infernale (alcune persone ne sono esenti), dalla presenza dei programmi psico-emozionale negativi nell'Anima ecc.