Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 31 luglio 2013

IL MONDO DI MURSHA. LA PIATTAFORMA CHE SI RIBALTA E LA TANA DELLA VOLPE







.....Mi rendo conto che gli scritti di Mursha non attireranno l'attenzione di un lettore distratto, abituato a sfogliare decine di pagine on-line in cerca di qualcosa di interessante... 
sono troppo introspettivi, troppo metafisici, come quei dipinti surrealistici con i quali ho illustrato il post...ma è per questo che piacciono a me; sono a metà tra l'esoterismo, la filosofia e letteratura (quella colta). 
E come un libro di saggi che leggi in quei momenti quando la tua anima ha voglia che qualcuno che le parli nella sua lingua -   non è il cibo per i  momenti ordinari... ma dopo averlo letto poi stai meglio. 

Dopo averla contattata ed avuto il suo benestare alla pubblicazione, io continuo...


E dunque, dice Mursha:
Le convinzioni dell'uomo sono come una piattaforma, nello spazio del suo mondo interiore lui ci sta sopra. Lui sa  distinguere il bene dal male. Cerca di fare le cose nel senso di  bene. Soffre se gli riescono male;  sospira...

E all'improvviso arriva un Verbo, o un Pensiero, e le fondamenta crollano. L'uomo non sa più a cosa aggrapparsi.  Come vivere, ora. Nel mondo materialistico degli Uomini Comuni tutti i problemi interni  sono nati dagli eventi concreti, e l'uomo o è contento o no - è tutto chiaro. 

L'uomo esoterico ammette l'esistenza di certe zone oscure e cerca di risalire al nocciolo. Ma anche cade più spesso, nel senso, ha più probabilità di cadere.

...Perché  la piattaforma si rovescia? 

Io la vedo fatta  di singoli mattoncini-convinzioni legati tra di loro dalle funi forti ma invisibili.  Basterebbe che un solo mattoncino traballi - e per farlo traballare basta notare qualcosa che contraddica una convinzione! - e uno dopo l'altro, si rovesceranno tutti i mattoncini. 
Un istante fa sembrava di essere saldamente ancorati alla terra illuminata dal Sole. E all'improvviso  si è appesi a testa in giù, poco distante dall'Inferno.

Secondo alcuni esoteristi, è l'uomo stesso che decide dove imparare:  alla luce del Sole o nell'Inferno. Dipende dai suoi cliché.  Le funi tra i mattoncini è solo una parte del problema. E' la piattaforma stessa e l'ancoraggio ad essa,  ovvero il nostro  bisogno di una piattaforma, è questo  l'errore...

Le piattaforme e le matrici sono i prodotti della Mente che aspira alla perfezione, ma non l'ha ancora raggiunta.  La Matrice è  simile al cielo stellato -  piena di cliché sotto forma di sfere luminose. E' costruita dalla Mente-Bambino secondo i cliché da lui ricevuti alla nascita e nel corso dell'educazione. Alla Mente la matrice sembra perfetta, piena di ogni cosa.  Ma succede qualcosa, in seguito alla legge di causa-effetto. Il Bambino traballa e cade, la testa tocca l'Inferno.   Dolore, morte, delusione. 
Gli propongo di invitare nella matrice Dio. Solo così non avremo bisogno di nessuna matrice e potremo volare, e non solo volare ma saper raggiungere all'istante le stelle. Volare!


Ma il mio nuovo modello della realtà è stato subito sottoposto alla verifica. la mia piattaforma traballa! Il mattone si è rovesciato. Ma anch'io, mentre mi stavo ribaltando, sapevo già di poter sopportare la visione dell'Inferno.

la cosa principale è saper  (con l'aiuto di energie più potenti delle nostre) librare senza avere una piattaforma sotto i piedi. Qualsiasi sia la situazione nella mia valutazione.


LA TANA DELLA TALPA



L'immagine della matrice è, nella mia immaginazione, il cielo stellato. Ogni suo oggetto significa  un certo stato, ovvero, è  una delle probabilità  nello spazio delle probabilità. 

Serve un itinerario per passare da uno stato all'altro, come serve una rotta per un aereo che sta raggiungendo una città  dopo aver partito da un 'altra città.  Le rotte  sono costruite dal Bambino - il nostro omino mentale - secondo i suoi cliché. 
E' il nostro cervello sinistro, la nostra Mente che, giocando, cade nelle trappole da lei stessa costruite.
E' per questo  che io sto cercando di raccontare al bambino di Dio, ma  Dio è troppo illogico  per  stare dentro la matrice, e il bambino non è nemmeno in grado di capire che rischia di cadere nelle trappole.

E allora raccontai al Bambino la  storia dell' Astronauta Solitario. E' solo, su un pianeta ostile, non sa cosa fare. Ma ad un tratto inizia a vedere le tracce della visita dell'Amico, dell'Amico Saggio e Potente. Lui sì che aveva previsto tutto, e aveva lasciato le indicazioni e suggerimenti, aveva fatto tutto nel migliore dei modi.

Io sono un'Astronauta Solitaria, con il mio Bambino dentro la mia testa. Lui non sa di fare parte di me e mi conduce  nelle trappole, senza sapere quanto male sto io.

Ma oggi ho raccontato al bambino delle Tane della Talpa.
A volte  non è possibile servirsi dei soliti itinerari. E quando è così, questo significa essere in trappola. 

Abbandoniamola subito! Non corriamo per i vicoli ciechi. 
Il nostro Amico Saggio - Dio - aveva previsto tutto. Per cui, in OGNI trappola esiste una Tana della Talpa - la via d'uscita  più breve e diretta che permette la migliore soluzione del problema.

Dio non ammette le varianti sbagliati o difettose. Lui ci offre la scelta migliore.
Per questo, non appena il tuo corpo o le tue emozioni ti segnalano lo stato di sconforto, calati nella tana della talpa, subito, senza pensare, e vola verso la soluzione migliore del problema!

domenica 28 luglio 2013

Il MONDO di MURSHA



 A volte fa tanto piacere ritrovarti nell'altra persona,  soprattutto se questa persona non pretende di essere tuo maestro, non ti indica la strada, non  ti insegna... riflette solamente sulle proprie esperienze, si dichiara pure una "loser" ("luzer", nella pronuncia russa, ovvero chi fallisce gli obiettivi:-), e questo ti basta per sentirti a casa con lei.

La blogger "Mursha" (vedi il post precedente) è una tra le tante persone, nella Russia di oggi, che si dedicano alla lettura di testi esoterici dedicati alla crescita personale. Incontrai per caso il suo blog, e ho letto con piacere diversi suoi saggi, al punto da voler tradurrne alcuni per chi legge il mio...

Tra l'altro, la ricerca di siti esoterici in lingua russa attraverso il motore di ricerca Yandex oggi ha dato 18 000 000 risultati, mentre la stessa  ma su Google e in lingua italiana aveva prodotto solo 707000  risultati. 
Questo per dire quanto interesse esiste oggi, nel mio paese, verso lo studio della materia...


Il Mio mondo (di Mursha)




Sto costruendo il mio mondo. 
Come faccio a renderlo comprensibile all’altra persona, se uso - faccio l’esempio della matematica – l’aritmetica, l’algebra, l’analisi matematica, mentre l’altro conosce soltanto l’aritmetica? 
Non sono in grado di spiegare come si risolvono i problemi a chi conosce soltanto l’aritmetica. Mentre esiste l’alta matematica di cui io non ho mai sentito parlare...

Così è il mondo in cui viviamo.  Dell’esistenza di tante cose non abbiamo mai sentito parlare. E possiamo imparare a fare solo alcune cose. La gran parte degli strumenti per farlo ci sono stati dati nell’infanzia (e qualcosa è venuto dalle vite passate).

Man mano che stai progredendo e stai prendendo coscienza di te stesso, devi fare l’inventario del tuo mondo. Di alcune cose che non usi più, lascia soltanto una foto. E’ un modo  comodo per rivederle. Le puoi ricordare, le puoi sentire, ma non ti feriscono più, e non potrai perire schiacciato da un ricordo che pesa tonnellate ...
Nello stesso tempo, non ti devi limitare di quello che conosci. Da dove verranno cose nuove?





Gli esoteristi dicono: è tutto possibile. Ti spiegano il modo di vivere “magico”, quando diventi capace di spingere fortemente il tuo mondo inserendolo nel mondo esterno, con la forza del tuo intento e del tuo desiderio. Ricevi ciò che hai voluto, ma dopo lo elimini dal tuo mondo; perché farlo gonfiare così tanto?...  Nel mondo ci sono le infinite possibilità. Devi solo imparare a prendere ciò che vuoi.

.... Credo che coloro che si sono avvicinati a questo tipo di vita, non divideranno con noi le loro esperienze. 
Le nostre conoscenze hanno  ancora un limite. 

Ma noi possiamo:
- Allargare gradualmente l’universo dei nostri obiettivi e dei modi per ottenerli, partendo dal principio: nell’Universo c’è tutto, e tutto è possibile.

- Smettere di dipendere dall' obiettivo che ci poniamo, qualsiasi esso sia, e saper rifiutare qualsiasi possibilità, oggetto o persona con calma e senza isterismi che dilaniano la nostra anima.




La decisione giusta (di Mursha)


...Ad un certo punto cominci a capire di dover usare i metodi che  non sono considerati giusti  (perché  non lo sono te l’avevano spiegato  i genitori e gli insegnanti a scuola, per il tuo bene). 
Ma ora, come uscire dalle limitazioni? Secondo quale principio? Voglio una regola ben definita, per poi non pentirmi guardando indietro e chiedendomi se avevo fatto tutto bene.
Credo che tutti si facciano queste domande. 
Anche dopo aver ricevuto le risposte alle sue domande, l’uomo non ci crede, cerca di controllare, avere altre spiegazioni. E quando finalmente avrà capito, sarà tardi, gli anni saranno passati e non esisterà  più il modo per verificarlo.

Nella letteratura esoterica troviamo il termine: potere personale. Che cos’è? Non lo so esattamente, sarà un misto di esperienza e di  energia. Sapere =  potere...
Più potere personale ha una persona, più decisioni giuste prende nella sia vita... e la vita gli diventerà più facile: qualsiasi cosa lui faccia, sarà quella giusta.

Prendiamo il Maestro e l’allievo. Il maestro non segue la regola, lui crea. L’allievo invece,  segue il protocollo, controlla che questo sia fatto secondo la regola... ma prima o dopo avverrà il miracolo e il suo protocollo potrà diventare l’Arte.

E’ per questo che non si può  spiegare  come prendere una decisione giusta. La decisione da maestro verrà presa   nell’atto di creare, e in base all’alto grado di potere personale.
Noi, allievi, agiremo in base alla nostra esperienza, alle nostre osservazioni, e all’esperienza degli altri. Ma non rinunceremo ad aumentare  il nostro potere personale, avvicinandoci all’Arte.  
Non ci sgridiamo mai per aver preso una decisione! Perché chi vuole diventare Maestro non deve mai avere rimpianti....
...Ciò che abbiamo fatto era l’unica decisione possibile e giustificabile.





venerdì 26 luglio 2013

BLOGGER MURSHA E LA TECNICA "SALTA FUORI DALLA BRUTTA SITUAZIONE"

Si tratta di una bella  tecnica per vincere il cattivo umore... l'indirizzo del blog, in lingua russa, ovviamente, è http://blog.murlokotan.ru/


“Salta fuori dalla brutta situazione” – una tecnica per vincere il cattivo umore


Provatela... a me ha fatto un gran bene!


Chi non conosce la devastazione  dell'anima, troppo spesso prodotta dalle nostre  emozioni negative?



Trovandomi in questo malaugurato stato, ieri mi misi a navigare, distrattamente, nella tanto amata marea dei siti/blog russi esoterici e non solo, sperando di approfondire il significato di un termine.  
Ma come sempre, nulla accade per caso: m’imbattei nel blog di una signora che si firmava “Mursha”, con il nome della sua gatta, immagino, dato che al posto della foto dell’autrice, c’era una sinuosa silhouette felina. 
Il primo articolo che mi capitò sotto gli occhi si intitolava:
“Come vincere le emozioni negative – il consiglio di un’esoterista”.
Comincio a leggerlo e subito  m’appassiono. 

Ecco a voi un ampio riassunto dell’articolo, estremamente utile a tutti, ma in particolar modo a chi si interessa delle tecniche basate sulla connessione con il proprio Sé Superiore (e che presume un duro lavoro per vincere le emozioni negative).

Scrive Mursha:

“C’è un netto confine tra l’Uomo Comune e l’Uomo Esoterico. L’uomo comune interagisce con la forma, quello esoterico s’alimenta di sostanza. L’uomo comune gioisce e si rattrista, quello esoterico s’incuriosisce. Sono due persone completamente diverse, e non possono trovare un accordo...
Io adoro essere l’uomo (donna) comune. Tuttavia indosso regolarmente la divisa dell’uomo esoterico e scendo nelle cantine della mia anima per un'ordinaria manutenzione.  Perché non voglio avere mai il cattivo umore, e voglio che questo, al primo accenno, sparisca in automatico, senza alcuna partecipazione da parte mia...

Ma così non è sempre stato.

Prima di iniziare esamineremo  le  soluzioni che possiede l'Uomo Comune.
Dunque, il nostro Uomo Comune ha il cattivo umore.



1.   Lui descrive il suo stato, le sue sensazioni, e tutto ciò che ne pensa.. e così  fissa il proprio stato negativo.
2.   Accusa il tempo, i colleghi, i parenti, il governo e tutti quanti.  E cos’ afferma la sua dipendenza da loro,  regalando a chiunque il comando del proprio destino.
3.   Accusa se stesso, perdendo così la benevolenza della persona più vicina, e  cioè di se stesso.
4.    Non analizza ma si tuffa nell’abisso delle onde negative a corpo morto e si lascia trascinare dalle onde emotive. Riduce ad un punto solo le proprie risorse.
5.   Trova nei libri, o secondo i suggerimenti degli altri, qualche modo per uscirne con il sostegno delle forme.  Sarà una tisana, sarà vedere le cose sotto un’altra angolazione,  sarà lo shopping o il viaggio. Potrebbe anche  per un po’ alleggerire la situazione. Ma c’è un “ma”: per farlo servono  tempo, energie, denaro, e non sempre li abbiamo.
Come vediamo, le azioni dell’Uomo Comune peggiorano la situazione oppure temporaneamente la migliorano ricorrendo  ad  altre risorse.

L’Uomo Esoterico, invece,   realizza una svolta della coscienza, e questo non è facile. Lui capisce che  il mondo esterno in realtà è il mondo dentro di lui, è esterno solo come forma.
Il suo motto è “per cambiare il mondo cambio me stesso”. Lui lavora solo con se stesso e lo Spazio delle varianti  gli offre i suoi settori migliori.



Come fa lui il proprio SALTO lasciando definitivamente la situazione negativa?

Riflettiamo. Nel corso della vita l’uomo impara a risolvere alcuni problemi, ma ancor di più impara a risolverli nel corso di molte vite, comprese quelle virtuali. E allora andiamo mentalmente al punto della migliore soluzione del problema.

Affermiamo:

PRIMA O DOPO, IN UN MODO O IN UN ALTRO, IN QUESTA O IN UN'ALTRA VITA, NELLA SEQUENZA DELLE MIE INFINITE INCARNAZIONI, REALI O VIRTUALI, NELLO SPAZIO DELLE VARIANTI, C’E’ UN PUNTO DOVE QUESTA SITUAZIONE  SI STA RISOLVENDO NEL MODO MIGLIORE.
IO SPOSTO LA MIA ATTENZIONE SU QUESTO PUNTO E SINTONIZZO IL MIO CORPO PER RICEVERE LE VIBRAZIONI DA II’. LE VIBRAZIONI IDEALI ARMONIZZANO IL MIO PRESENTE.

Avete notato  la discordanza dei tempi? 

...prima o dopo... in un modo o in un altro.. non dovrebbe seguirne il futuro anziché il presente ("c'è un punto...")? 
No invece, Mursha  usa volutamente il presente, riferendosi al cerchio  perfetto dei qui ed ora, dove passato, presente e futuro si mescolano. Giusto, siamo nell'universo quantistico e mistico!


Mursha precisa, rispondendo alle domande dei lettori, che non dobbiamo visualizzare il punto. Basta sapere che quel punto ESISTE. Dobbiamo ripetere l’affermazione avendo un corpo rilassato, perché  quando stiamo affermando qualcosa, la nostra recita si accompagna  da certi spasmi muscolari, il che conferma che il corpo continua a subire l’azione della causa negativa. In questo caso, la recita dell’affermazione è solo il tentativo di stordire una sofferenza crescente. Il corpo grida: va tutto male!  
E allora,  bisogna fare qualcosa,  dobbiamo  elaborare la situazione, emergendo dall’inferno. Saltarne fuori.
Perché è così importante essere rilassati?

Ecco l’esempio che riporta Mursha. Paragona la coscienza umana ad una soluzione salina super-concentrata. Basta apportare un altro granello di sale, ed inizia la cristallizzazione,  formande le infinite figure e sentieri salini. 
La nostra attenzione li segue, e dietro all’attenzione  cammina la sua compagna – l’energia (“l’energia segue il pensiero”!).

Per esempio: voglio, dice Mursha, che tutte mi invidino perché ho un buon marito. 
"Il pensiero è: Mio marito è meglio di tutti gli altri mariti.
Ed inizia la cristallizzazione, cominciano a  formarsi le figure di “sale”:

- vuol dire che ci sono i mariti migliori e peggiori;
- vuol dire che ci sono quelli che sono peggio del mio;
- il marito di Marina lo è...
- vuol dire che ci sono anche quelli che sono meglio del mio;
- non sarà quello di Valentina?
- ma anche se così fosse, Valentina è una stupida...
- e che dire, anch'io ho già le rughe... ecc.



L’energia si disperde, corre lungo il labirinto fino allo sfinimento...per cui alla fine non ho la soddisfazione... Anzì, mi sento stanca e irritata. E tutto questo è nato perché ho avuto un pensiero vanitoso, ma tutto sommato, non brutto. Vi immaginate cosa succede quando  facciamo nascere pensieri negativi?"

Ecco cosa fa Mursha per evitare questa situazione:

1.   Rilassamento. Ripeto come un mantra: “Fronte, nuca, collo, spalle”... rilassando le rispettive aree.
2.   Recito il “Padre Nostro”  in inglese o in tedesco.
3.   Sposto l’attenzione per rilassare una parte del corpo contratta...



La cosa più importante è sapere che l’Universo non è logico. Sfruttalo! Il mondo è così paradossale, così illogico che puoi far girare lo spazio come vuoi, ma non mettendolo sotto il tuo controllo, al contrario,  provando fiducia e rilassamento. Questo mondo è SOLO TUO. Ti ascolta, vuole esserti amico.


martedì 16 luglio 2013

L'ENIGMA DEGLI SPECCHI CONCAVI. GLI SPECCHI DI KOZYREV. LA "MACCHINA DEL TEMPO" DI VIKTOR BULAEV




Da millenni gli specchi sono considerati “finestre” aperte nell’Altro Mondo, popolato dalle anime dei defunti e dalle entità...  Appresi sin dall’infanzia che la rottura di uno specchio presagiva sfortuna, e se qualcuno moriva, tutti gli specchi della casa  dovevano essere coperti... tuttavia, la divinazione con due specchi messi uno di fronte all’altro che formano un corridoio infinito, e  due candele accese, nelle campagne russe è da sempre  considerata tanto significativa quanto pericolosa (c’era chi sveniva per eccesso di paura o a causa di quello che vedeva nel corridoio di specchi).



Anche gli specchi concavi spesso erano usati per scopi magici, i maghi credevano che tale forma aiutasse a raccogliere la “luce astrale”. L’uso magico degli specchi concavi è stato provato dai numerosi ritrovamenti  delle superficie concavi appartenenti a molte culture del mondo.






Che cosa sono gli specchi concavi? 

Sono antenne che ricevono e trasmettono, basta vedere le moderne antenne paraboliche. Le caratteristiche simili hanno anche i cosiddetti “specchi di Kozyrev”. Questo eminente scienziato, una delle menti più brillanti del XX secolo, ha inventato un sistema di specchi concavi (gli specchi di Kozirev), prendendo dei fogli di metallo, lucidi ed elastici, e piegandoli in senso orario (una spirale di 1 giro e mezzo).
Dentro una spirale così ottenuta si metteva uno sperimentatore. Assumendo posa che gli veniva comoda.  
All'inizio degli anni 90' questi specchi furono sperimentati nel corso degli studi sui fenomeni ESP presso l'istituto della Medicina Sperimentale del filiale dell'Accademia delle Scienze della Siberia (Novosibirsk).
L'equipe dei ricercatori fu guidata dell'accademico Kaznacheev.
 Le persone messe dentro queste spirali cilindriche sperimentavano vari stadi di coscienza alterata quale uscita dal corpo, contatti telepatici, telecinesi, oppure vedevano degli avvenimenti accaduti molti anni fa. 

Gli studi però, furono interrotti per motivi di sicurezza, dato che si verificarono dei fenomeni a cui era difficile dare una spiegazione. Secondo le teorie di Kozyrev, dentro queste camere (si usavano la camere con 2 o 3 specchi concavi) il tempo diventava più "spesso".

Inoltre, gli specchi mettevano a fuoco le irradiazioni dei sistemi biologici, e cioè quelle delle persone che entravano a far parte del sistema degli specchi. 

Kaznecheev confermò che la trasmissione di un pacchetto d'informazioni e d'immagini avvenne il 18 dicembre 1991, mentre informazione fu recepita dagli altri partecipanti all'esperimento il 20 e il 22 dicembre.
Secondo lo scienziato ciò dimostra l'esistenza dei campi informazionali ed intellettuali e la possibilità di ricevere l'informazione al di là della distanza e del tempo. 
C'è da dire che in tutti i casi si erra trattato del sistema «uomo-specchio», e lo specchio di Kozirev conferiva alla persona i poteri quasi magici. Le donne risultarono chiaramente più ricettive alle energie sottili, come pure le persone più preparate (anche spiritualmente)  ottenevamo maggiori risultati.

Alcuni vedevano negli specchi i fenomeni simili agli UFO, o ai fulmini globulari. 
Delle volte, pochi minuti prima dell'inizio dell'esperimento, sopra l'edificio dove era allestita la camera (sull'isola di Dixon, estremo Nord artico), appariva un disco volante che regolarmente spariva non appena gli studiosi cominciavano a lavorare.
Dopo l'introduzione nello specchio dell' immagine del quadro di Nikola Rerich (pittore mistico, inizio del XX secolo) «La bandiera del Mondo»), lo sperimentatore fu sbalzato dalla poltrona e trasportato a molti metri di distanza da una forza ignota, e il Nord magnetico era diventato il Sud. 

Spesso sopra il villaggio siberiano si osservavano delle aurore boreali (l'isola di Dixon è situata vicino al circolo polare), e, secondo gli studiosi, delle volte dei campi informazionali terrestri si manifestavano anche fisicamente, come una sorta di cometa con una coda luminosa che spariva non appena i lavori finivano. 


Racconta il Professor Trofimov: “La tentazione
 di entrare nell’impianto era fortissimo, ma appena ti avvicini e sei sopraffatto dalla paura quasi inumana. Alle 2 di notte del 25 dicembre uno di noi si è avvicinato agli specchi.  Abbiamo sentito un forte odore si ozono, poi abbiamo visto una luce, e alla fine lo spazio si riempì  di un flusso ininterrotto di simboli, venivano giù luminosi simili alle insegne al neon. Dapprima avevamo pensato che fosse un messaggio per tutti noi,  e solo dopo era diventato chiaro che  tutti i simboli si riferivano alla civiltà dell’antico Sumer. Era un attimo di storia  giunto alla nostra epoca”.

Nel 1997 gli specchi di Kozirev effettuarono una trasmissione dei simboli Sumeri agli sperimentatori radunati dentro lo Stonehendge, Inghilterra; con la massima sorpresa, in Inghilterra furono ricevuti non solo tutti i simboli trasmessi, ma anche altri 70 simboli, sempre sumeri, ma che non furono trasmessi dagli specchi(!). 

Alcuni esperimenti su Dixon furono dedicati alla diagnosi e alla cura a distanza, fornendo la prova che sono fenomeni possibili. 

Secondo Kaznacheev, si tratta di una risposta da parte del campo informazionale terrestre, all'introduzione delle forme-pensiero umane.


Viktor Bulaev

Tuttavia, uno scienziato della città di Miass (Monti Urali), Viktor Bulaev,  continua anche oggi, d’accordo con Trofimov e Kaznacheev, gli esperimenti con gli specchi di Kozyrev.  Ha costruito un sistema di specchi e di piastrine di rame, di forma esagonale, simile all’”uovo” di Nostradamus. Dentro l’impianto ci mette una semplice sedia di plastica, da giardino.

Gli specchi di Bulaev erano pensati all’inizio per curare le persone, ma avevano rivelato una serie inaspettata di effetti strabilianti. Sono state raccolte migliaia di testimonianze degli sperimentatori volntari dentro:  il corpo ringiovanisce, e l’Universo ti risponde alle domande che gli fai...
Di recente l’inventore degli Urali ha costruito un nuovo impianto che ha chiamato Bicap (capsula bio-energetica). Gli effetti che si osservano sono simili a quelli degli specchi di Kozyrev, ma vanno anche oltre.
Il fenomeno n.1: sapere dosare la durata della seduta.  La persona sente da sola quando deve uscire. Alcuni dicono che vogliono stare 5 minuti, ma si trattengono per oltre un ora; il tempo fluisce diversamente dentro questa “botte di specchi”.
Il fenomeno n.2: l’organismo analizza se stesso. Le persone sentono gli aghi in certe zone del corpo, una trazione nelle articolazioni, e molto altro.
Il fenomeno n.3:  l’acutizzazione delle capacità extrasensoriali: le persone vedono le scene del passato o del futuro, vedono i propri congiunti proiettati   nei corpi diversi,  magari,  di una trentina danni più vecchi...


Il Bicap è costruito in sezione aurea, la parte centrale  ha una forma esagonale ma la parte superiore  è una piramide che rafforza l’energia dell’organismo e le capacità extrasensoriali. In cima si trova il regolatore di flusso.
La piramide è smontabile; si va dalla piramide di Golod a quella classica. Se la si toglie del tutto, aumenta il collegamento con il Cosmo... la piramide può essere sostituita  con una semisfera e con le luci colorate.

Ecco la testimonianza di Liuba Setkova (associazione degli studi spirituali “La Bilancia del Tempo”):

"... Eccoci... mi sono concentrata, ho recitato una preghiera, e...via. Sento il rumore di un aereo che sta decollando, lo sento fisicamente. Mi sto muovendo in alto. Davanti ai miei occhi ci sono le nuvole che  vanno in giù. Il colore cambia da un blu intenso al viola, sempre più accecante; come se fossi passata attraverso una fiamma viola. Vedo le piante tropicali, fiori... sento qualcuno accanto a me, anzi, sono  tre le persone... chiedo a loro di curarmi e sento subito una puntura nella  spalla destra, come un laser... il dolore passa subito... devo uscire ma voglio tornare negli Specchi!”

Un’altra testimonianza di Liuba, un anno dopo:

“...Lo Specchio Verticale, ci sto 51  minuti. Sto volando sopra gli edifici bianchi... ora sono sopra un monte, vedo che le pietre hanno i volti (gli spiriti delle pietre?).... un passaggio in alto... vedo i miei amici, sono tutti vestiti da festa... vedo  le immagini dei Maestri, tutti in bianco, più volte è passato Sai Baba in  vesti arancioni... non voglio scendere, i miei piedi sono pesanti.. voglio rimanerci. Ma dopo sento il flusso di energia che si dirige verso l’alto, i piedi sono leggeri e freddi,  il viso scotta; tutto il peso è stato risucchiato dal tubo di specchi. Sto bene”.


AFFERMAZIONI PER GUARIRE L'ANIMA


Pubblico alcuni testi da me tradotti che illustrano alcune tecniche di autoguarigione molto in uso  in Russia.



“FONTE DELL’AMORE DIVINO”

... dalle pagine esoteriche del web russo

La fonte dell’Amore Divino è l’energia che ricevete appellandovi a Dio.

Azione: pulizia, allineamento, armonizzazione, saturazione di tutti i corpi sottili. Pulizia dei chakra,  bilanciamento del karma, tutto il sistema energetico  si mette in moto.
Potete mandare le vibrazioni dell’Amore divino  al Pianeta Terra e ad altre persone.

1.    Mettiamoci seduti su una sedia, la schiena è dritta, le mani sono sulle ginocchia. Si può mettere una musica da rilassamento. Chiudiamo gli occhi e diciamo:
2.    “PREGO LA FONTE DELL’AMORE DIVINO DI RIVELARSI” 3 VOLTE O più volte.
3.    Visualizziamo sopra la testa una nuvola o una cascata  d’energia bianca. La facciamo passare dentro la testa, attraverso il Sahasrara, poi nella colonna vertebrale e nel coccige. L’energia poi va nella terra, sotto di noi. Si può anche immaginare una cascata d’energia bianca che ci penetra e va nella terra.
4.     Mentre lo stiamo visualizzando, diciamo:


AMORE. PULIZIA. PERFEZIONE.  3 volte.
Oppure:
AMORE. PULIZIA. GUARIGIONE. 3 volte.

Stiamo così 10-15 min

Ringraziamo Dio e tutte le Forze del Bene per  il loro amore e aiuto.

Essendo nella cascata di luce possiamo non solo pronunciare le parole obbligatorie (amore, pulizia, perfezione) ma anche  chiedere ciò che ci manca (salute, benessere, abbondanza...).
E’ importante mantenere la visualizzazione del torrente d’energia che passa attraverso di voi. E’ anche importante che l’energia, passando, non si fermi da qualche parte del corpo, fatela passare mentalmente e mandatela nella terra.


“ALI D’ANGELO”





Fonte: Andrej Skripka, esoterista bielorusso 
Andrej Skripka





E’ una tecnica che produce intorno a voi forti cambiamenti; vi vedranno in modo diverso,   comincerete ad attirare sia le persone sia  gli animali.  A voi  si rivolgeranno per un aiuto, un consiglio, chiederanno aiuto,  come se voi  foste davvero un angelo.  E’ l’inizio di una  storia davvero forte!

1.    Concentratevi sulla scintilla Divina che è dentro di voi. Sentite  la bellezza, la potenza, la forza dell’amore che emana il vostro Sé Divino, il signore del vostro cuore.
2.    Sentite di essere tutt’uno con questo Sé Divino, dimenticate per il momento di essere incarnato come uomo.
3.    Visualizzate dietro alla vs. schiena LE ALI POTENTI E LUMINOSE, bianche. Cercate di sentirle fisicamente dietro alla vs. schiena.  Sono TALMENTE GRANDI CHE POSSONO COPRIRVI DA CAPO A PIEDI COME UNA COPERTA. Godetele.  Sappiate che queste ali rappresentano la vs. protezione dalle energie negative di tutti i tipi (forme-pensiero, negatività da persone ecc.). Sono sempre con voi pronte ad aprirsi e a proteggervi.
4.    Le ali  possono trasformare anche il vs. mondo interiore, cancellare le vs. paure, sensi di colpa, sentimenti di tristezza, di odio. Loro trasformano la vs. aura,   colmandola di luce bianca e dorata. Lasciate che  questa potenza elimini le tenebre e le trasformi in Luce.
5.    Le ali possono curarvi. Se avete i dolori, lasciate semplicemente che loro vi curino.
6.    Le ali attivano i vs. chakra. Apritele e osservate come va.
7.    Le ali possono ringiovanirvi.  Formate l’intento e chiamatele.
8.    Le ali possono aiutare i vs. cari, coprendo il vs. bambino, o un anziano.
9.    Le ali migliorano la comunicazione con le persone. Coprite con le ali il vostro interlocutore, oppure lasciate semplicemente che loro siano: aumenteranno il vs. carisma,  il vs. magnetismo.
1 Chiamatele quando  sentite una carenza d’energia.

Meditate sulle ali d’Angelo  per  20-30 min tutti i giorni, per un periodo di 21 – 90 gg.
Sentirete quando  diventeranno tutt’uno con voi, e allora vedrete che cominceranno ad aprirsi  da soli senza essere chiamate.






"ELIMINIAMO DA SOLI “L’IMPIANTO DELLA MORTE”!


Fonte: Andrej Skripka (esoterista bielorusso)  

... Per chi crede nei miracoli ed è pronto a vivere per molti anni

... Un giorno  ho avuto la fortuna di conoscere  un ragazzino veggente, Timoteo (chiamiamolo così). Mi raccontò di aver visto un “angioletto” grigio, molto piccolo di statura, alto non più di 20-30 cm,  cercare di mettere al suo nipote appena nato un “impianto”. Timoteo riuscì a impedirglielo.
Questo impianto lui  lo chiama “il gene della morte”, oppure “il gene dell’invecchiamento”.
Probabilmente, l’impianto in questione  rilascia, piano piano, una sostanza che blocca l’attività del timo, e quindi, i processi della rigenerazione dell’organismo che comincia a invecchiare e muore.

QUESTO IMPIANTO – ETERICO – HA LA FORMA  DI SEMILUNA  ROVESCIATA, CON  LE ESTREMITA’ ALL’INSU, VERSO LA CLAVICOLE.
E’ SEMITRASPARENTE.
ALCUNI LO VEDONO SIMILE AD UN AGGEGGIO TECNICO CON SONDE, ALTRI, INVECE, LO PERCEPOISCONO SIMILE AD UNA MEDUSA DI ORIGINE EXTRATERRESTRE.
L’IMPIANTO VIENE STRATTO CON FACILITA’ IN UNA SOLA VOLTA . OCCORRONO 3-5 MIN.

COME FARE?  LINK del video su Youtube  dove viene mostrata tutta la procedura (N.d.T: non occorre capire il russo,  basta vedere i gesti). http://www.youtube.com/watch?v=mpz5x65solo

Immaginiamo di avere una struttura semitrasparente, a forma di mezzaluna, un po’ dentro il nostro corpo, che si stende da una clavicola all’altra.
Mettiamoci davanti al SOLE.
Prendiamo questa struttura con entrambi le mani. Inspiriamo col naso. Espirando cominciamo ad allontanarla, a non più di 1-5 cm. Fatelo il più lentamente possibile!!! La velocità eccessiva provoca dolori nel petto anche ai materialisti irreducibili. STOP!!

Un’altra inspirazione, ed espirando allontaniamo la struttura di altri 1-5 cm. Procedere così finché le mani (leggermente piegate, immaginate di tenere l’impianto tra le dita) non saranno lontani dal corpo a distanza di 25-30 cm. Chi ha fretta potrebbe  sentire dolori  o, peggio, spezzare l’impianto in alcuni frammenti.
Dopo, espirando, tendiamo le mani (con l’impianto immaginario) verso il sole, esponiamolo al sole di modo che la luce solare attraverso le mani ci picchi negli occhi (chiusi).   Stiamo così per 1-2 min, la struttura si scioglierà definitivamente. Ora allontaniamo le braccia dal petto ed esponiamo lo sterno alla luce del sole. La Luce solare guarisce le ferite eteriche. Massaggiamo il petto per qualche minuto.

E’ tutto. Ora osservate il proprio corpo, le sensazioni che sorgeranno (entro 5-6 ore), i pensieri che vi verranno (entro 10-12 gg). Vi sentirete diversi, sarete pronti a vivere con una nuova visione del mondo...
Attenzione! Sono confermati alcuni casi di presenza  di un impianto sgualcito o danneggiato, potrebbe essere già deformato perché avevate già fatto altre pratiche spirituali. In questo caso c’è la possibilità di una sua ricrescita. Testate se dovete ripetere l’estrazione per altri 2-3 volte.