Si è verificato un errore nel gadget

martedì 21 maggio 2013

LA RADIONICA RUSSA E IL DISCUSSO CASO DI ANGELINA JOLIE








Leggendo sui giornali di questi giorni le notizie sulla mastectomia “preventiva” subita e sbandierata al mondo  (quasi fosse un esempio di estrema virtù) dalla diva  Angelina Jolie, non ho potuto non pensare che nel suo caso la radionica avrebbe potuto senz’altro fare qualcosa,  in alternativa al bisturi,  unita poi ai periodici controlli medici, questo sì.

Ancora di più, secondo me, avrebbe potuto salvare i seni della bella Jolie la radionica russa, ahimè, ancora troppo poco conosciuta e finora praticata (anche in Russia) da pochissimi appassionati (testardi) come me.

Partiamo dai seguenti presupposti:

  • Il nostro corpo è multidimensionale (il postulato della radionica classica e delle tecniche di lavoro con le energie sottili)
  • Le malattie nascono prima nei piani sottili (idem)
  • Esistono non  solo quelle cause delle malattie che sono note alla medicina, ma anche le cause “profonde” – sono  delle strutture energetiche ed informazionali negative  provenienti dalle persone e dall’ambiente (il postulato della radionica russa: Puchkò e le “Energie della Guarigione...”)
  • La vera prevenzione s’effettua sui piani sottili (entrambe le radioniche)
  • Il difetto e genetico? Bene, andiamo a vedere il DNA (entrambe le radioniche)
  • Abbiamo paura di non capire come fare? Affidiamoci al Sistema della Mente Suprema, con il suo aiuto e tramite il nostro Sé Superiore, sapremo da dove cominciare (“Le Energie  della Guarigione...”, la radionica russa)

Intanto incominciamo da ciò che è da togliere subito, senza per ora amputare un bel seno come quello della Jolie...  come farei io se (improbabile!) una diva me lo chiedesse?

Andrei a  pulire (prima di tutto) i corpi non fisici della Diva, tutti gli 8,  dall’informazione negativa ricevuta nel corso della sua vita. Una parte di essa galleggia ancora nei corpi sottili, mentre  il resto è già registrato nei sistemi e negli organi. Togliamo quello che si trova nei corpi.
Si lavora con il campo torsionale e con le registrazioni effettuate dal suo Angelo Custode (permettemi di lasciare questo nome, mi piace, mi rassicura, anche se ce ne saranno tanti altri nomi per queste  energie luminose che ci aiutano se sono chiamate).

Prima però, dovrei chiedere il permesso di occuparmi della pulizia dei corpi della Diva (non si dà sempre e comunque).

Una volta puliti i corpi, chiederei il permesso di mettere una loro protezione permanente;  si tratta di uno scudo che sarà controllato dal Sé Superiore della Diva:  dopo la messa della protezione  si farà un controllo a tutta l’informazione in arrivo nell’aura (corpi sottili). 

“Chi sei? Il passaparola?”  

Passerà solo quella informazione che è stata concordata con il Sé Superiore della Diva, tutto il resto verrà rigettato e distrutto. E' indistruttibile,  ma il soggetto deve controllare le proprie emozioni, altrimenti rischia di far saltare la protezione dall'interno!  
Questo è un passo importantissimo:  se questa operazione fosse stata effettuata ora, all’età di 38 anni, dopo i  38 anni nessuna informazione negativa  creerebbe alla Diva  future  patologie di qualsiasi natura. Più prevenzione di così! 

Ora vado a vedere i meridiani che il  Sé Superiore della paziente mi indica come  quelli da aggiustare (anche dal punto di vista del biocomputer umano, perché fanno parte del Sistema Elaborazione Dati insieme ai chakra, i Sushumna-Ida-Pingala (canali informazionali), e i rispettivi “decoder” dei campi del Sistema delle Mente Suprema che abbiamo nel corpo). Non si tratta di emulare le tecniche dell’agopuntura; con i meridiani si lavora  secondo le tecniche del biocomputer umano, e vi assicuro, funzionano a meraviglia...

Poi andrei a vedere lo  stato delle ghiandole mammarie, partendo dai loro corpi causale, astrale, eterico. 
Attenzione:  nei soggetti predisposti a certe patologie serie come il cancro si formano dei sistemi dell’informazione condensata, sono degli accumuli di varie negatività che  irradiano tutte sulle stesse onde. 
Si  tratta delle cause profonde molto ben mascherate, serve l’analisi torsionale per stanarli, e magari, l’operazione si ripete più volte.

Come li elimino?  Non li elimino affatto io, per la verità!....  Non faccio più le terribili sequenze vibrazionali che avevano spaventato i più relegando la povera radionica russa nel rango dei metodi riservati ai pochi  eletti. Faccio gli Appelli e li mando a chi di dovere.  
Certe volte basta una preghiera (ma attenzione, ci vuole molta esperienza per poter lavorare solo così). Credetemi, è veramente fantastico  lavorare con il Sistema della Mente Suprema appellandosi direttamente ad essa ed affidando ad essa il compito di distruggere  gli ingorghi della negatività...

Ripulisco i tre corpi “informazionali” delle ghiandole ed elimino la loro incoordinazione  rispetto alle ghiandole fisiche. 
Poi passo all’organo fisico: centri della coscienza, i canali di arrivo/uscita di energia-informazione-materia, l’omeostasi  del fisico al livello della cellula, al livello intracellulare, altro... Laddove non abbiamo il 100%, ci saranno delle cause profonde da eliminare... mando l’energia al fisico, se serve, con tutti i metodi che conosco.

Magari, nel caso della Diva non basterà fare  solo questo.   Si sostiene (“Le Energie della Guarigione e la Formula dell’Appello”) che i principali modelli  dell’organismo umano che offre la scienza corrispondano poco alla reale struttura del Sistema della Mente Suprema e rispettivamente, alla nostra reale struttura sottile. 
Per cui, se necessario, esaminerò altri aspetti della situazione rivolgendomi ai testi più approfonditi: valutando  i probabili “difetti” nella creazione e  nell’armonizzazione delle cellule del sangue, la completezza dei codici che loro possiedono, il funzionamento del Linguaggio Unico  delle Frequenze con il quale è registrata l’informazione nel DNA, il funzionamento dei complicati processi  che si svolgono  nelle unità di controllo del biocomputer umano...ecc.ecc.

Se solo certe persone (e le Dive in particolare) fossero un po’ meno pragmatiche e drastiche, e se solo l’umanità fosse già pronta a capire ed accettare la propria multidimensionalità...

Per gli interessati ad imparare a fare la pulizia dei corpi non fisici:  sto scrivendo un libro, continuamente, ahimé,  interrotta da mille terapie ed analisi da fare quotidianamente, per cui, la sua eventuale pubblicazione potrebbe avere i tempi biblici (speriamo di no), ma ho quasi pronto anche un corso, chi si sente in risonanza con ciò che ha appena letto,  si faccia eventualmente sentire contattandomi su olgasamarina5@gmail.com. 
GRAZIE per aver letto questo post! 

108*27. SIMORON. IL TRAINING PSICOLOGICO PER REALIZZARE I DESIDERI



Simoron 

è un metodo di psicotraining mirato alla liberazione dell’innata genialità dell’essere umano e alla risoluzione degli infiniti problemi che lo attanagliano tutti i giorni.
Il metodo è nato nel 1988,  a Kiev,  inventato dai coniugi  Piotr Burlan (regista) e Petra Burlan (attrice). 
Nel  2006 il marchio della scuola ha avuto il re-branding, a causa della proliferazione di molteplici scuole dallo stesso nome  mentre l’insegnamento non corrispondeva più alla versione dei Burlan;  ora il metodo si chiama Burlan-Do.
Il metodo insegna a cambiare il nostro abituale comportamento.
I Burlan insegnano: se cominci a pensare e a comportarti da genio, lo diventerai.
Alcuni credono che  Simoron   sia la magia, altri lo ritengono una presa in giro, ed altri ancora non ci credono ma sono costretti a riconoscere che FUNZIONA.
Chi lo pratica raggiunge, inspiegabilmente, il risultato che cerca.

La parola SIMORON non significa nulla,  è solo una parola-giocattolo,  sinonimo  di un atteggiamento giocoso e positivo.
Col tempo Simoron è diventato un metodo pratico per  realizzare i desideri.
Secondo i simoronisti stessi loro possono:
  • -      cambiare il tempo
  • -      far arrivare subito il mezzo pubblico che si desidera prendere;
  • -      risolvere problemi di sentimenti/cuore;
  • -      risolvere qualsiasi problema materiale;
  • -      curare le malattie.



 Su Simoron sono scritte decine di libri, in ogni paese d’Europa ci sono i gruppi di persone (soprattutto di lingua russa) che lo praticano. Esistono delle tecniche di base, ma  è meglio inventare  delle tecniche proprie, diventando un vero “mago” che cambia il mondo.



I seminari Simoron in Russia


In attesa di ricevere dalla Russia dei libri per studiare meglio queste interessanti tecniche, pubblico alcune notizie trovate in internet.

Ecco alcune tecniche di base:

Rinominare

Se ti capita qualcosa di brutto, sei dentro la situazione e spesso non puoi valutarla oggettivamente. Allora inventati un altro ruolo.
 Dice Nadia, maestra elementare, 27 anni:
                                                                                   
“ Una giorno ho litigato con mio marito, mi hanno aumentato le ore a scuola, e  ho preso un brutto raffreddore. Mi cadevano le braccia. E mi sono ricordata di Simoron.  Ho preso carta e penna e mi sono data una definizione: “Sono colei che è seduta da sola davanti alla finestra,  tutta triste”. Ho riflettuto su che nome assumere. Doveva venire da sé.  Mi sono girata e ho visto sul muro un calendario con un grosso gatto rosso.  E ho scritto: “Sono una gatta rossa con il cappello che canta d’amore e acchiappa i raggi del sole”. Ho ripetuto queste parole 3 volte, mi piacevano. Ho cominciato a pulire la cucina canticchiando, e mente cantavo, il mio raffreddore si è attenuato. Poi mi ha chiamato la preside dicendo che un’altra maestra prenderà le ore che  io non volevo. “Infatti”, mi sono detta, “come affidare un incarico così ad un gatta rossa che canta d’amore!”. E mentre stavo ridendo a questo pensiero, è arrivato mio marito con i fiori e i cioccolatini, per fare la pace.”  


Il nuovo nome deve essere allegro e piacerti. Non serve inventare nomi seri, è un gioco.   Perciò un nome assurdo tipo “Ballerina con gli stivali che versa della neve in una pentola” funzionerà meglio di “sono colei che aveva preso un premio in denaro martedì mattina”.

Io, io, Io...

Scrivi la situazione che non ti piace. Per esempio: “ Ho cambiato il posto di  lavoro, ma i colleghi  non mi trattano bene, il capo mi rifila i compiti inutili, guadagno pochi soldi”.  Ora sostituisci  i nomi di tutti i protagonisti con “l’io”.  
Avrai: “Ho cambiato il posto di lavoro, ma io mi tratto male, io mi rifilo i compiti inutili, e  guadagno poca me stessa”. Leggi ciò che hai scritto.  Capirai che sei tu la chiave della situazione; sei tu il padrone, e quindi rinominati e cambia il mondo.

Le danze Simoron

Le danze ricordano quelle sciamaniche.  Per ogni caso s’inventano dei costumi speciali, buffi.  La danza va eseguita con piacere e disinibizione. Ti fermerai da solo, non appena capirai che la magia è compiuta. E’ importante  sentirsi “librare”.  In questo stato tu senti che il mondo è benevolo, allegro, pieno di abbondanza, e ti regalerà volentieri  ciò che vuoi.

Le nuove tecniche nascono tutti i giorni. Simoron è l’unica magia che un europeo moderno è capace di capire e rendere sua.  Tuttavia Simoron impiega tutte le tecniche  del passato.

Che significa 108*27?

Nei testi Veda  si dice che  una persona che vive secondo i principi dei testi sacri, sia capace di vivere 108 anni.
La vita dell’uomo (108 anni) è divisa in 4 stagioni, ciascuna di 27 anni.
1 - la primavera (piacevole)
2 - l’estate (calda)
3 - autunno (triste)
4 - Inverno (freddo)

Ogni periodo di 27 anni è considerato una vita compiuta, e quindi ogni uomo  può avere 4 chance per diventare santo e tornare in casa di Dio.
Il numero 27 è magico, è il numero magico di Simoron.

 Alla domanda: quando si realizzerà il mio desiderio? Il simoronista risponderà: tra 27 (secondi, minuti, ore, giorni, anni...). Non di dice mai se si tratta di secondi .. o anni.

Potete chiamare il paese magico, facendo il numero 27 27 27 27.

Per cui, ogni desidero o affermazione  in Simoron finisce con il numero 108*27.

Coloro che cercano di analizzare e capire Simoron non riescono a realizzare i desideri... per questo devi dirti: sto giocando, e permetti al miracolo di realizzarsi.


Simoron per l'Amore




Il rito delle pantofole per un buon marito

Nel periodo di luna nuova si comprono le pantofole da uomo.- Devono piacere a chi compra, e si scelgono senza fretta. Attenzione alla misura, al colore (secondo i vostri desideri). Niente pantofole scadenti: si dice che una signora  avendo comprato delle pantofole  da poco, in seguito  per molto tempo fosse  sottoposta alle attenzioni dei soggetti poco  presentabili. Si può portare le pantofole  per qualche giorno a bordo di un' auto costosa. 
Lasciare le pantofole nell’entrata per 3 giorni. Passati 3 giorni, a mezzanotte, mettetevi carponi  e aprite leggermente la porta di casa. Con e mani infilate nelle pantofole (rivolte dentro casa), per 27 volte battete  le pantofole contro la soglia di casa. Si può pronunciare il desiderio.
NB. Questo rito spopola in moltissimi siti sull’argomento, è molto seguito e dicono sia molto efficace.

 Il materializzatore universale    

Realizza  qualsiasi intento, anche il più audace.

Servono:
  • Una scatola qualsiasi.
  • Le pile elettriche nuove.
  • I componenti da mettere dentro (il loro numero dipende dal vostro desiderio).

Per esempio:
a)   il componente sessuale: un’acqua di colonia (dopobarba) da uomo
b)   il componente intellettuale: un libro intelligente
c)   il componente  sportivo: tre modellini di auto sportive
d)   il componente estetico: una foto di un bell’attore
e)   il componente materiale: 2000 euro... o quanto riuscite a mettere
Riuniti in scatola tutti i componenti, la si pone in un punto in bella vista, dopo di che si fa una danza Simoron e si pronuncia l’intento (al presente, non al futuro) tante volte quanti anni deve avere il candidato.

L’Ordine:

“Rilasciare alla bella ragazza ..... (nome) il suo Principe,  avente le seguenti qualità: ...... “ Firmato: DIO (o qualcuno che per voi è importante). 


Simoron per il lavoro e i soldi



Fidati della vita. Se stai cercando un lavoro e il tempo passa e nulla cambia, non ti disperare. Forse non è molto facile eseguire il tuo “ordine”; per esempio, prima  il posto che sarà tuo si deve liberare, o forse lo si deve ancora creare...

Una testimonianza

“Simoronia”  funziona! Mio marito cercava un posto ben retribuito, ed io mettevo tutte le notti sotto il lenzuolo dalla sua parte del letto un biglietto con scritto “Un lavoro nuovo ben retribuito”; quando si alzava,  trasferivo questo  biglietto in una delle sue tasche... è passata solo una settimana, e ce l’abbiamo fatta!  L’importante è farlo giocando senza avere l’ansia da risultato”.

La busta d’argento

Prepara una busta d’”argento” (anche di carta stagnola)  con dentro un modulo dove chiedi di assumerti a ....  in qualità di .... E’ bene mettere nella busta anche una foto dell’edificio dove vorresti lavorare, i biglietti da visita, il logo della ditta, ecc. Poi  colloca la busta in vista nel settore nord-occidentale del tuo appartamento.


Le graffette

Compra in cartoleria delle graffette grandi e colorate con le quali ti potrai “unire” alla fortuna, all’amore, ai soldi ecc. Scrivi  su di un foglietto  di carta la parola FORTUNA e attaccalo con  una graffetta alla tua tasca.



Rimuovere gli ostacoli

Se la tua causa è ferma, prova a fare una bella pulizia di qualche elettrodomestico (aspirapolvere, televisore, computer), ma senza fretta, con il massimo amore ed impegno, ripetendo il tuo intento:  come io  tolgo la sporcizia da ..., in questo momento si eliminano tutti gli ostacoli nella risoluzione di .... (la tua causa, o ciò che vuoi ottenere).

La lettera al ... portafoglio

 Prendi una bella cartolina e scrivi: “Ti ringrazio, mio caro portafoglio, per la tua generosità, perché stai moltiplicando  ciò che è contenuto dentro di te, e sei attento a tutte le mie necessità, dandomi tutti i soldi che mi servono. Grazie! Così sia! 108*27”.
Leggi la lettera a  voce altra rivolgendoti al portafoglio prima di metterla dentro.

L’ordine (urgente) n.108*27

A: L’universo
Da: il tuo nome
Ordine: SERVONO SUBITO I SOLDI PER COMPRARE....
Termine esecuzione: SUBITO!
Cosi sia.

Aprire i canali di circolazione monetaria dell’Universo (affermazione)

Io apro tutti i canali di circolazione monetaria e li giro verso di me.
I soldi arrivano a me con facilità, arrivano sul mio conto bancario, nel mio portafoglio. Io amo i soldi e i soldi amano me.
Sono un magnete per i soldi e per il successo.
Cosi sia. Cosi è e così sarà sempre. 108*27!

"VIVI E GIOISCI LA TUA VITA!"




lunedì 20 maggio 2013

IL CAMPO TORSIONALE CHE CURA. ALCUNI DISPOSITIVI ENERGETICI RUSSI






Per guarire davvero serve l'energia!



Chi, tra coloro che lavorano attivamente nel campo della radionica, non ricorda i casi  quando i trattamenti sembrano funzionare, l’energia, misurata in Bovis o con altri sistemi, cresce di giorno in giorno, il malato sta decisamente meglio, ma ad un tratto la situazione ritorna ad essere come prima.
I tempi della guarigione radionica, secondo i russi,  non possono essere velocissimi: per eliminare una patologia dei corpi non fisici si tratta di giorni. Ma non è tutto, il nostro scopo è quello di guarire un organo fisico. L'autoguariguone di una parte fisica danneggiata, se è partita, richiede molta ENERGIA AGGIUNTIVA.
Di solito occorre il tempo della rigenerazione dell'organo (questi  sono riportati nei  manuali Puchkò), ma anche questo è solo in teoria, nel caso se tutti gli altri organi fossero sani, ed è una situazione auspicabile ma poco probabile.
I tempi reali dela GUARIGIONE saranno più o meno  quelli dello sviluppo della patologia. Teniamo conto della probabilità dell'interruzione del processo di guarigione a causa della mancanza dell'energia.

Secondo “Ivan”,  per guarire all’organismo serve l’ormone somatotropina.

(Dalla Wikipedia: La somatotropina, nota anche come ormone somatotropo,ormone della crescita, STH o GH (growth hormone), è un ormone peptidico dell'adenoipofisi composto da 191 amminoacidi per un peso di 22.005 Da. La sua funzione principale è di stimolare lo sviluppo dell'organismo umano e di molti vertebrati, promuovendo l'accrescimento e la divisione mitotica delle cellule di quasi tutti i tessuti corporei).

Succede spesso però, che  questa viene consumata nel primo posto dove serve, anziché raggiungere l’organo che stiamo curando (così si consuma l’88% di tutta la somatotropina concessa all’organismo).
Risultato:  nell’85% dei casi, durante le cure radioniche, l’organo rimane senza l’energia, e il risultato rischia di essere zero. Nello stesso tempo, quelle operazioni che non necessitano l’impiego di somatotropina (per es., il lavoro con i corpi sottili) hanno un’alta percentuale di riuscita.

Per questo - curando il fisico -  abbiamo bisogno di dispositivi energetici.
Tutti i dispositivi energetici (DE) trasformano i campi; quei dispositivi che trasformano solo i campi principali del Sistema della Mente Suprema si chiamano i dispositivi passivi. Quelli “attivi”  consumano, oltre l’energia  dei campi principali del SMS, l’energia  prodotta da diverse oscillazioni locali del campo torsionale, compresa l’energia elettrica.
Il campo in USCITA di tutti i DE (dispositivi energetici) è quello torsionale in tutte le sue molteplici forme, e i campi che da esso derivano. Il campo torsionale  è stato definito da diversi autori come il “flusso di vitoni”, la “bioenergia”, lì”energia orgonica”, l’”energia armonica”, come “irradiazioni delle piramidi, dei cristalli” ecc., ma è sempre il campo torsionale.

Tutto ciò che ci circonda  rappresenta  i dispositivi energetici di diversa potenza, creati in  base alle “strutture elementari di campo” (la particella elementare del sistema della Mente Suprema, termine adottato dal metodo “Le Energie della Guarigione e la Formula dell’Appello”). I campi da loro prodotti possono fare bene,  fare male o essere neutri (raramente).

Un operatore radionico può  controllare la corrispondenza dei parametri di qualsiasi  DE ai parametri del campo Torsionale di una concreta persona, su scala da 0 a 100.  Maggiore è la corrispondenza, più energia arriverà all’organo.  Anzi, possiamo chiedere sia la corrispondenza ad un singolo organo sia quella a tutto l’organismo.

Come definire la potenza di un DE?

Useremo le cosiddette “unità di potenza” (UP) convenzionali.  1000 UP = 1 KUP (kilo-UP); 1000 KUP = 1 MUP (mega-UP). La potenza  rappresenta la forza del campo torsionale (CT), espressa come CT+, CT-, o CT* (positiva, negativa e neutra). La corrispondenza energetica è intesa come media, e per tutto l’organismo.

Nella tabella sono descritti alcuni DE , compresi quelli “storici” (non tutta la lista è stata tradotta – n.d.A)

nn
Nome DE
Potenza
Corrispondenza Energetica.
CT
Epoca
1
Croce del sacerdote ANKH
48 KUP
80%
+-
Antico Egitto
2
Scettro del sacerdote
600 KUP
76%
+-
--------
3
Sfinge (Gisa)
10 MUP
8%
+-
2895 c.C.
4
Piramide Mencaura (Gisa)
1200 MUP
36%
+-
2890 a.C.
5
Croce ANKH (disegno)
0,007 UP
28%
+-
2880 a.C.
7
Piramide orgonica (O.Hepfner)
7 KUP
27%
+-
1989
8
Ionizzatore di Chizhevski
600 KUP
55%
+-
1921
9
Spirale Puchko-6
3 KUP
50%
+-
2008
10
Spirale Puchko-10 (con 3 generatori di potenza)
12 KUP
76%
+-
2008

Sfogliando i manuali di “Ivan” possiamo  conoscere diversi dispositivi energetici autoprodotti con l’impiego dei materiali semplici (rame, cavi di rame).  La destinazione di questi dispositivi è di alzare l’energia nel punto 
che stiamo curando.




Sulla foto in basso vedete una spirale  semplice, destinata anche all’aumento dell’energia del corpo in generale ( quando ci sentiamo  un pò giù). Al centro della foto vediamo invece una spirale  con tre “attivatori” di rame, ferro e allumino.
All’interno della spirale si crea il CT-. Agisce in profondità uguale alla sua altezza. Dato che la cima della spirale è assente, sopra si forma una “TORCIA” , un vortice energetico con il segno CT-,  alto circa 5 cm, per cui si raccomanda di mettere la spirale in un sacchetto di plastica e legarlo sopra.
Durante il lavoro va tenuta per i fianchi senza toccare la “torcia”.



Non è consentito di usare questo tipo di strumenti “a casaccio”,  faremo sempre una serie di domande specifiche.

-       prima di cominciare ad usare questi dispositivi occorre ricordare che non possono essere adoperati  se non abbiamo provveduto alla pulizia e al ripristino dei corpi non fisici dell’organo. E quindi, questi strumenti sono destinati a coloro che lavorano con i metodi della radionica russa e sono in grado di eliminare i programmi negativi profondi che attaccano i nostri corpi sottili. Perché rafforzando il fisico rafforziamo anche ciò che di negativo sta sotto...

-       Lavoriamo con questi dispositivi chiedendo SEMPRE il permesso di usarle al Sé Superiore nostro o del paziente. C’è da considerare la probabile esistenza, nell’organismo del paziente, dei germi patogeni che potrebbero essere sostenuti con l’impiego dei dispositivi.  In tal caso, è possibile ottenere il permesso del SS del paziente solo in quei casi quando la loro utilità prevarrà sui rischi.

-       Prima di utilizzare i dispositivi energetici controlliamo i loro parametri:
-       Qual è la potenza del DE? (espressa in unità di potenza, UP)

-       Qual’è il grado della compatibilità energetica?

-       Per quali zone dell’organismo è auspicabile il suo uso?

Per capirlo, all’operatore  sarà sufficiente  guardare il DE, e poi  si lavora con il pendolo utilizzando i grafici.
Come capire la forma e le misure del CT? Indicando la zona dello strumento con la mano sinistra,  chiediamo: - qui si trova il CT+? In caso di sì il pendolo girerà a destra, e viceversa. Il CT-? Il CT*?

Al paziente potrebbero servire  diversi tipi di CT. Quindi, si chiede:
-       quanti tipi del CT servono? Quali? Serve più spesso il CT+. Per alcune patologie servono prima il CT+ e poi il CT*, o viceversa. Si chiarisce l’ordine in cui si procede.
-       Quale DE ci serve? Serve anche l’attivatore o no?
-       Dove impiegherò il DE, in che zona del corpo? Il paziente potrebbe tenere il proprio dito (matita, una striscia di carta) sul posto malato, mentre l’operatore cerca di avere una risposta con il pendolo.
-       E’ qui che devo metterlo? E’ più a destra? Più a sinistra? Per es., la chiocciola dello “scettro Puchkò” deve essere parallela al punto in cui serve aiuto energetico.
-       A quanti cm devo tenere lo strumento?
-       Poi si fa la calibratura del DE.  Prima collochiamo il DE nel punto giusto per 5 secondi (per tutti i tipi dei dispositivi).  Poi:
-       La superficie d’azione è sufficiente? La profondità d’azione è sufficiente? E’ piccola, è grande? Per diminuire la profondità, è possibile mettere sotto lo strumento una”ciambella” di materiale espanso.
-       Ora  vengono definiti i tempi, gli orari, la quantità delle sedute, per quanti giorni, e con quali intervalli. La durate dell’impiego del DE potrebbe variare da 1 a 3 mesi.

E’ utile lavorare con i DE in tutte le situazioni con una marcata mancanza di energia.
Ho riportato questi procedimenti, che a qualcuno possono sembrare troppo macchinosi, per illustrare il carattere molto preciso dell’azione da parte dell’operatore, senza tralasciare nulla. Del resto, è una delle specificità della radiestesia e della radonica russa sviluppatisi nel corso degli ultimi decenni.
Una spirale Puchko che uso io



Il pendolo Ptah visto come un dispositivo energetico



Di questo pendolo mi ero innamorata a prima vista,  e lo uso spesso. Dialogando con i colleghi-radiestesisti sul Forum di “Ivan” avevo illustrato il principio del suo funzionamento:   risultò che “Ivan” conosceva già le spirali di Slim Spurling  ma non questo pendolo.  Mi aveva chiesto di fare delle misurazioni  di alcuni  suoi parametri. Allora applicai le tecniche della radionica russa al pendolo Ptah,  misurando  la sua potenza,  la polarità del CT, e dove è meglio applicarlo.  Le due spirali rappresentano due dipoli, e  in realtà non è il pendolo che rileva le “negativita” nel corpo del malato: è il Sé Superiore dell’operatore  che guida  la mano con il pendolo.  Si tratta di un dispositivo energetico che è anche un pendolo.
Secondo i miei rilievi, quella parte della spirale destinata all’estrazione che è rivolta al paziente, emana il CT+,  mentre la parte più corta  che “carica” ha il CT-. La potenza di questo dispositivo energetico nel corso dell’estrazione è di 28 KUP (è piuttosto potente!).
Dove è auspicabile l’uso del pendolo, a parte la classica procedura della pulizia? Ho messo il Ptah sul grafico dei sistemi fisiologici chiedendo per quali sistemi/organi in particolarmente è indicato il suo uso. I risultati: va bene per la colonna vertebrale, per la testa (cervello), per le ghiandole mammarie, per lo stomaco e l’intestino crasso (compatibilità del  DE  con questi organi è di 80-90 %).
Quindi, è possibile trattare, in particolare,  questi organi con Ptah adoperandolo come un dispositivo energetico  (a mò di quelli russi) che  riequilibra l’energia delle parti trattate; e, ricordando i casi trattati, la mia esperienza di lavoro sul campo lo conferma.